Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Lambr-ugie - Lambr-ugie 6

E-mail Stampa
Indice
Lambr-ugie
Lambr-ugie 2
Lambr-ugie 3
Lambr-ugie 4
Lambr-ugie 5
Lambr-ugie 6
Lambr-ugie 7
Tutte le pagine

E veniamo agli uccelli. La LIPU, insieme ad altre associazioni comuniste ed eversive, lancia l'allarme, attiva una task force, le solite minchiate da ambientalisti vetero‐marxisti.
Alla Fagiana arrivano 9 animali, 2 Germani e 7 Cormorani, ulteriori in altri centri della Lombardia. A quanto riesco a sapere, una trentina di uccelli in tutto.

Ci coordiniamo con il CRUMA (Centro Recupero Uccelli Marini e Acquatici LIPU di Livorno), applichiamo protocolli internazionali.

Domenica mattina, 28 marzo, vado con un operatore video alla Fagiana per filmare le operazioni di lavaggio e stabilizzazione. Purtroppo nella notte sono già morti 4 animali, altri ne moriranno nel corso della giornata. Filmiamo e fotografiamo gli interventi degli operatori e dei volontari.
Poi sento il nostro Ufficio Stampa, informo Andrea Mazza (Responsabile dell’Ufficio Stampa LIPU), gli dico che ho delle immagini di forte impatto. Arriva lunedì 1 marzo, Andrea convince la RAI a sentirci.
Vado alla mitica sede della RAI a Milano in Corso Sempione, mi intervistano, dico come stanno le cose, i protocolli sanitari non funzionano, gli animali muoiono, non riusciamo a capire, lascio le immagini video del giorno prima. Sembrano interessarsi della vicenda, poco dopo Andrea riceve una telefonata dalla redazione del TG2, passano anche lì il servizio. E invece non passa niente, tranne Bertolaso e le sue rassicurazioni, io, noi, veniamo relegati al TG3 regionale e naturalmente senza immagini degli uccelli che stanno male, sullo sfondo invece immagini del Lambro degli anni '50, pulito.

Non si può mettere in onda la sofferenza, la morte degli animali, il tentativo disperato di salvarli, la nostra richiesta di spiegazioni. Anzi Bertolaso, ospite in studio del TG1, dichiara che non ci sono rischi, neanche per gli uccelli. Penso che gli abbiano fatto vedere le nostre immagini. Mentre guardo e ascolto incredulo, Veronica dalla Fagiana mi avvisa che è morto l'ultimo Cormorano, ci eravamo aggrappati alla sua vita, come un baluardo, quasi sfiorando l'accanimento terapeutico. Pace all'anima sua.
Eseguiamo alcune autopsie. Il nostro veterinario dichiara di trovare strani segnali, di solito nello stomaco di animali morti per idrocarburi si trovano queste sostanze, in questo caso nulla. Poi invece, emorragie a vari organi, fegato spappolato, problemi neurologici.

Ancora oggi non riusciamo a spiegarci bene il motivo della loro morte.



 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner