Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Sparviero ferito soccorso dalla LIPU

E-mail Stampa PDF

Ancora una volta La LIPU d’ Ischia presta soccorso ad un animale ferito. Questa volta si tratta di una femmina di sparviero (Accipiter nisus nisus), un uccello rapace diurno, ritrovato dagli operatori ecologici comunali d’Ischia, e preso in custodia dal Commissariato della Polizia di Stato di Via Delle Terme, e successivamenteconsegnato  all’associazione ambientalista.
Nel giro di poche ore la LIPU isolana ha organizzato con i suoi volontari, coordinati dal delegato Paolella Carmela, il trasporto presso una struttura ospedaliera specializzata di Napoli “Il Frullone” ospedale veterinario ASL per il recupero della fauna in difficoltà. Qui lo sparviero, un esemplare femmina, ha ricevuto le prime cure.

Successivamente il responsabile del centro ha comunicato alla sezione LIPU ischitana che l’esemplare arrivato presso l’ospedale risultava colpito da pallini sparati da un fucile da caccia. A questo proposito si registrano le dichiarazione del delegato LIPU d’Ischia, Paolella Carmela: “L’accaduto è gravissimo visto che lo sparviero è un animale protetto, come specifica la Legge n.157 del 1992 che tutela tutte le specie di rapaci diurni. Purtroppo questo non è il primo caso di impallinamento di uccelli salvaguardati da leggi nazionali e internazionali, oramai sono anni che soprattutto nel periodo in cui è aperta la caccia accadono queste cose.

 

Per noi il recupero di animali feriti è una gravosa attività anche dal punto di vista economico, e non solo per i costi di trasferimento degli animali feriti presso strutture specializzate come il Frullone di Napoli, ma anche per le primissime cure apportate alla fauna in difficoltà comprensive di spese per i medicinali, per l’alimentazione e per la degenza e l’eventuale riabilitazione a cui far fronte, e nonostante tutti gli sforzi intrapresi per tentare di salvare anche un singolo esemplare di avifauna, purtroppo non sempre l’impegno prodotto è premiato dal successo.

Ora faccio appello – continua il delegato LIPU d’Ischia – ancora una volta, alle varie associazioni venatorie presenti sul territorio, per riparare in parte ad errori venatori e in parte alla mala fede di qualcuno che non rispetta le leggi sulla caccia, di adoperarsi in opera di divulgazione e istruzione denunciando coloro che continuano ad infangare la categoria stessa, con gesti meschini com’è l’abbattimento di un rapace”
Ischia, 22 novembre 2010
LIPU – Sezione Isola d’Ischia

Fonte: www.ischiablog.it

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner