Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

A Catanzaro i ghiri finiscono in padella.

E-mail Stampa PDF

La scoperta della Forestale a casa di un bracconiere

Diciannove piccoli roditori pronti per essere cucinati. Contestati al responsabile i reati di cattura, abbattimento e detenzione illegale di esemplari di fauna protetta

Diciannove ghiri spellati, sviscerati e poggiati sul fondo di alcune pentole pronti per essere cucinati. Questa la raccapricciante scoperta fatta nel cosentino dagli agenti del Comando Stazione forestale di Santa Caterina dello Jonio e coadiuvati dai Carabinieri di Isca Marina, dopo l'irruzione nel fabbricato di un bracconiere nel comune montano di Isca sullo Jonio.

La Forestale ha denunciato a piede libero l'uomo, originario del luogo, per i reati di illecita cattura, abbattimento e detenzione di esemplari di specie faunistica protetta, appartenenti alla famiglia Gliridae dell'ordine Rodentia, mammiferi tutelati sia dalla Legge del 1992 che regola l'attività venatoria che dalla Convenzione di Berna, ratificata in Italia nel 1981, che mira alla conservazione di flora e fauna selvatica e dei relativi habitat naturali. Per quanto riguarda in particolare i ghiri, la Convenzione ne vieta qualsiasi forma di cattura, detenzione e uccisione.

Dunque divieto assoluto di cacciare ghiri sull'intero territorio nazionale, ma ad aggravare il caso ci sono anche le prove raccolte dagli agenti che dimostrerebbero come gli animali siano stati catturati di martedì, in piena giornata di silenzio venatorio, con l'ausilio di trappole vietate. Nel fabbricato sono stati trovati infatti numerosi archetti e, in una località vicina ad esso, sono state rinvenute tra i rami di leccio e corbezzolo altre 5 trappole con ogni probabilità appartenente allo stesso bracconiere. Oltre ai ghiri e a una ventina di trappole, la Forestale ha sequestrato il cannello-bruciatore a gas adoperato per spellare i piccoli mammiferi.

L'intervento si inserisce nell'ambito dei servizi di controllo del territorio per la prevenzione e la repressione dei reati ambientali, con particolare attenzione al fenomeno del bracconaggio.

Fonte: www3.corpoforestale.it

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner