Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

BRACCONAGGIO LIPU è EMERGENZA.RAPACI UCCISI CON FUCILI DA CACCIA. A MILANO ROMA E FIRENZE

E-mail Stampa PDF

LIPU BIRDLIFE

 

 

COMUNICATO STAMPA

BRACCONAGGIO, LIPU: E’ EMERGENZA.

RAPACI UCCISI CON FUCILI DA CACCIA

A MILANO, ROMA E FIRENZE

Le ultime vittime un gheppio e un falco di palude.

LIPU al ministro dell’Interno Maroni: gravità della situazione va al di là

della pur importantissima opera di tutela della fauna selvatica

Un gheppio ucciso a Milano, un falco pellegrino e un pecchiaolo abbattuti a Roma, una garzetta a Firenze. Uccisi da fucili da caccia. E’ la LIPU-BirdLife Italia a denunciare una pesante situazione bracconaggio, da Nord a Sud della penisola, a meno di un mese dal via alle preaperture e a pochi giorni dall’inizio ufficiale della stagione venatoria.

Oggi il Centro recupero LIPU a Roma ha ricoverato un falco di palude ritrovato nei pressi di Roma, a Ponte Galeria, con due gravi fratture alle ali, mentre nei giorni scorsi un gheppio è stato rinvenuto da un privato nel Comune di Cerano (NO) e consegnato al Centro recupero LIPU La Fagiana in provincia di Milano. Nel corpo dell’animale sono stati rinvenuti numerosi pallini che non gli hanno dato scampo.

Nelle scorse settimane – sottolinea la LIPU - un altro gheppio a Roma, un lodolaio e due bianconi sono stati impallinati a Firenze. Questi ultimi sono stati feriti nel Comune di Rignano sull’Arno (FI) a pochissimo tempo di distanza l’uno dall’altro proprio nei giorni di preapertura fissati dalla Regione Toscana. Il primo esemplare di biancone, soccorso quasi subito, è attualmente in cura presso il Centro recupero LIPU del Mugello (FI), e dovrebbe essere recuperato. Il secondo biancone, ritrovato a cinque giorni dal ferimento, versava in gravi condizioni ed è stato operato con successo al centro Cruma della LIPU a Livorno: non si sa ancora però se è recuperabile o se dovrà stare in una gabbia per il resto della sua vita.

Due invece i falchi, uno splendido falco pellegrino e un falco pecchiaiolo, impallinati e deceduti dopo il ricovero al Centro recupero LIPU presso il Bioparco a Roma, sempre in periodo di preapertura. Cui si aggiunge il noto caso della cicogna nera uccisa il primo giorno di caccia alla Palude di Fucecchio, in Toscana.

La situazione è gravemente peggiorata e anzi sta precipitando – denuncia Fulvio Mamone Capria, vicepresidente LIPU-BirdLife Italia – La grave carenza di controlli sul territorio sta portando a una situazione incontrollabile, con specie superprotette esposte ad atti di violenza e bracconaggio. Serve un'attenzione straordinaria al problema da parte di governo, amministrazioni e forze dell'ordine per arginare e porre fine a quella che è diventata in questi anni una vergogna nazionale”.

"Stiamo valutando se e come rivolgerci ai ministri interessati – conclude Mamone Capria - a partire dal Ministro degli Interni Roberto Maroni, perché la gravità della situazione va persino al di là della pur importantissima opera di tutela della fauna selvatica".

 

Parma, 28 settembre 2010

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner