Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

La rivolta dei lettori: “No all’abbattimento dei cinghiali”

E-mail Stampa PDF

di Elisabetta Paladini - LECCE: Nelle ultime ore molti dei nostri lettori ci hanno contattato in quanto allarmati da un servizio andato in onda su Telerama e postato su YouTube lo scorso 31 ottobre. Il motivo? Un contadino e allevatore si lamenta dei cinghiali che circolano nella zona, e a causa dei quali la sua azienda ha dovuto chiudere. E ora, stando a quanto segnalato dai cittadini, starebbe proponendo agli enti competenti l’ABBATTIMENTO DI MASSA degli animali.(...Leggi tutto alla fonte: http://lecce.ilquotidianoitaliano.it)

Se la femmina dominante viene uccisa, il gruppo si disperde, gli animali senza guida irrompono nei campi, tutte le femmine diventano feconde più volte nell’anno e si riproducono in modo incontrollato. Norbert Happ, noto conoscitore tedesco dei cinghiali, pur essendo cacciatore egli stesso, ammette: L’aumentata riproduzione è causata dall’uomo. Della moltiplicazione esplosiva dei cinghiali sono dunque responsabili gli stessi cacciatori: Relazioni sociali disordinate con estri non coordinati e moltiplicazione incontrollata sono da imputare esclusivamente all’esercizio della caccia, scrive Happ nella rivista venatoria “Wild und Hund” (23/2002). Ennesima dimostrazione del fatto che la caccia non risolve alcun problema ecologico, anzi ne crea!”, si legge sul sito agireora.org


Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner