CACCIA:CALENDARI,OBBLIGO RIDUZIONE STAGIONE E SPECIE CACCIABILI

Martedì 15 Giugno 2010 10:10
Stampa
CACCIA: AMBIENTALISTI, RIVOLUZIONE IN VISTA PER CALENDARI 
A ENTI LOCALI, OBBLIGO RIDUZIONE STAGIONE E SPECIE CACCIABILI
ROMA
(ANSA) - ROMA, 14 GIU - "Abbiamo inviato note a tutte le Regioni e Province autonome italiane ed ai Ministri competenti segnalando l'obbligo di ridurre la durata della stagione venatoria e il numero delle specie cacciabili, in ottemperanza delle modifiche apportate dalla legge Comunitaria 2009". Lo annunciano, in una nota congiunta, le associazioni Animalisti italiani, Amici della Terra, Enpa, Fai, Fare Verde, Greenpeace, Italia Nostra, Lac, Lav, Legambiente, Lipu-BirdLife Italia, Vas, Wwf Italia, chiarendo, con un dettagliato dossier tecnico di accompagnamento, come l'adeguamento debba avvenire e cosa potrebbe accadere in caso contrario.
Tra i nuovi e stringenti obblighi in fatto di tutela della fauna e regolamentazione dell'attività venatoria previsti dalla Comunitaria, gli ambientalisti sottolineano l'obbligo, da parte di Stato e regioni, di vietare la caccia nei periodi di riproduzione e migrazione prenuziale degli uccelli e l'obbligo di mantenere o riportare le specie di uccelli selvatici ad uno stato di conservazione soddisfacente. Si profila dunque una rivoluzione per i calendari venatori, con una immediata contrazione dei calendari venatori. C'é inoltre l'obbligo, ribadito dalla recente sentenza della Corte di Giustizia europea, di sottoporre tutti i Piani faunistico-venatori a valutazione d'incidenza per quanto riguarda l'attività venatoria, senza la quale (o in caso di suo esito non favorevole) la caccia nei siti della Rete Natura 2000 deve essere vietata. "Si tratta di un tardivo ma importante adeguamento dell'attività venatoria in Italia che introduce elementi di tutela ormai improcrastinabili e che dovranno essere applicati sin dalla prossima stagione di caccia, per evitare una legittima pioggia di ricorsi e impugnazioni che farebbe saltare l'intera stagione venatoria 2010-2011".
"Ci appelliamo - concludono le associazioni - al senso di responsabilità dei governi regionali e dei ministri, in particolare dell'Ambiente e dell'Agricoltura, affinché la nuova legge apra una stagione di tutela della natura e rispetto delle regole anziché di nuove infrazioni e pesanti contenziosi". (ANSA).
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.