Dossier Vittime della Caccia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Rassegne stampa amb.venatorio

Associazione Vittime della Caccia - www.vittimedellacaccia.org

Organizzazione di volontariato senza scopo di lucro

 

DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA 2010-2011

 

 

VITTIME IN AMBITO VENATORIO

RACCOLTA INTEGRALE di rassegne stampa



STAGIONE 2010-2011

(Periodo 2 settembre 2010/ 31 gennaio 2011)



IMPORTANTE - Quanto raccolto in questo specifico documento ‘Vittime in ambito venatorio - Raccolta integrale - stagione 2010-2011’ contempla le sole vittime per armi da caccia durante l’attività venatoria e sono esclusi casi di vittime per cause di altra natura (infarti, cadute, suicidi, ecc).

i seguenti dati costituiscono una panoramica parziale sul fenomeno vittime per armi da caccia, in quanto scaturiscono da rassegne stampa intercettate occasionalmente.

Riproduzione e pubblicazione dei dati autorizzate, citando espressamente la fonte“www.vittimedellacaccia.org



Legenda

* VITTIME GENTE COMUNE (non cacciatori)

§ VITTIME MINORI DI ETA’


SETTEMBRE 2010

PREAPERTURE




  • 02.09.2010

1 MORTO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - NUORO – SARDEGNA

Caccia: 81enne muore durante prima giornata in Sardegna. Incidente avvenuto a Loculi, colpo partito dal proprio fucile

(ANSA) - NUORO, 2 SET - Prima giornata di caccia e prima vittima in Sardegna: nelle campagne di Loculi e' morto un pensionato di 81 anni, Saturnino Monne.

L'uomo, secondo la testimonianza del figlio che si trovava con lui durante la battuta in una riserva di caccia, sarebbe stato raggiunto da un colpo partito accidentalmente dal proprio fucile, dopo essere scivolato a terra. Il cacciatore e' stato trasportato all'ospedale San Francesco di Nuoro con un'ambulanza del 118, dove e' deceduto nel pomeriggio a causa delle gravi lesioni interne subite.(ANSA).

Fonte:http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/sardegna/2010/09/02/visualizza_new.html_1787912232.html




DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA



  • 02.09.2010

1 MORTO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - CAGLIARI – SARDEGNA

+ 1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – CAGLIARI - SARDEGNA


Preapertura della stagione di caccia: ieri le prime vittime

Un morto e un ferito, questo il bilancio del primo giorno di preapertura della stagione venatoria. Entrambi i drammatici incidenti sono avvenuti in Sardegna, nel corso di due distinte battute di caccia. In entrambi i casi a sparare la pallottola fatale sono stati compagni di caccia delle vittime.

Il primo uomo, 36 anni, di Jerzu è stato colpito al collo nelle campagne ogliastrine nel corso di una battuta di caccia al cinghiale. L’uomo è morto poco dopo l’arrivo dei soccorsi. Salva, ma in gravi condizioni la seconda vittima della giornata, un uomo colpito all’arteria femorale sinistra. Recuperato grazie a un elicottero l’uomo si trova ora in ospedale, in condizioni gravi, ma senza richiare la vita.(…)

Fonte:http://www.petpassion.tv/blog/preapurtura-della-stagione-di-caccia-ieri-le-prime-vittime-10857


  • 04.09.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – PALERMO – SICILIA – Mun.spezzata

Baucina: spara a coniglio durante una battuta di caccia e colpisce il figlio. Sequestrato il fucile.

L'Incidente a Baucina. Palermo, spara a coniglio durante una battuta di caccia e colpisce il figlio

Alcuni pallini hanno raggiunto il giovane che è stato immediatamente soccorso. Non è in pericolo di vita. PALERMO - Incidente di caccia a Baucina, in provincia di Palermo. Durante una battuta di caccia al coniglio, intorno alle 10, un uomo, sparando a una preda, ha colpito accidentalmente il figlio. Alcuni pallini infatti hanno raggiunto il giovane, che è stato immediatamente soccorso e trasportato in ospedale. FUCILE SEQUESTRATO - Secondo le prime informazioni non versa comunque in pericolo di vita. Il fucile usato dal padre, legalmente detenuto, è stato sequestrato. Sull'episodio indagano i carabinieri.

Fonte:http://www.corriere.it/cronache/10_settembre_04/paelrmo-padre-spara-figlio-coniglio_a337de6e-b80c-11df-927f-00144f02aabe.shtml



  • 05.09.2010

1 MORTO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – TRENTO – TRENTINO ALTO ADIGE

Trento. Cacciatore sbaglia mira e ferisce un compagno di battuta: grave in ospedale. È stato colpito a un'arteria: l'incidente questa mattina all'alba a Tassullo, in val di Non, durante il primo giorno di apertura.

TRENTO (5 settembre) - Si è aperta questa mattina con un grave incidente la stagione della caccia nel Trentino. Un cacciatore è rimasto ferito da un colpo di fucile sparato da un compagno di battuta a una preda nei boschi attorno a Tassullo, in Valle di Non, alle 5 e mezza del mattino. Il cacciatore, colpito a un'arteria, ha perso molto sangue ed è stato trasportato con l'elicottero all'ospedale di Cles, dove è stato medicato. Viste le gravi condizioni è stato trasferito all'ospedale Santa Chiara di Trento, dove si trova ora in prognosi riservata. Fonte: http://gazzettino.it/articolo.php?id=117564

+

Samuele Torresani, 26 anni, è deceduto questa mattina in seguito ad una grave lesione dell'arteria femorale. Il responsabile dell'incidente, al quale è stata ritiarata la licenza, è ora indagato per omicidio colposo

[Trento, morto il giovane cacciatore ferito da un colpo sparato dal collega]

TRENTO. E' morto nel reparto di rianimazione dell'ospedale Santa Chiara di Trento Samuele Torresani, 26 anni di Tassullo, che domenica scorsa, primo giorno di caccia, era stato ferito accidentalmente da un altro cacciatore.

Il giovane è deceduto questa mattina in seguito ad una grave lesione dell'arteria femorale. Il responsabile dell'incidente, 47 anni anch'egli di Tassullo, è ora indagato per omicidio colposo. In precedenza a suo carico l'ipotesi di reato era di lesioni personali gravissime. All'indomani dell'incidente gli era stata sospesa la licenza di caccia su decisione del neo questore di Trento, Giorgio Iacobone, che ha promesso una linea dura DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

e inflessibile contro i responsabili di tali incidenti. L'incidente è avvenuto nei boschi sopra Tassullo, in val di

Non, all'alba di domenica. Impaziente di conquistare un cervo quale primo trofeo della stagione, il cacciatore quarantasettenne ha mirato ma, secondo quanto ha dichiarato ai carabinieri, dal fucile gli è partito un colpo mentre si stava preparando a prendere la mira. Un colpo fatale per il giovane collega che si trovava ad un centinaio di metri di distanza. Al cacciatore che ha colpito Torresani, indagato dalla procura, la questura ha sospeso la licenza di caccia.

Fonte: http://trentinocorrierealpi.gelocal.it/dettaglio/trento-morto-il-giovane-cacciatore-ferito-da-un-colpo-sparato-dal-collega/2335074



  • 15.09.2010

*1 FERITO GENTE COMUNE (CICLISTA)- AMB. VENATORIO SU STRADA- POTENZA – BASILICATA - Mun.spezzata

Cacciatore sbaglia, spara e colpisce ciclista con figlio

MELFI - Un giovane di Melfi ha rischiato di essere ucciso da un cacciatore che ha sbagliato mira e lo ha colpito. Il giovane, insieme al figlioletto, stava passeggiando in bicicletta lungo la strada interpoderale di contrada Incoronata di Melfi. Un cacciatore, presente in quella località per attività venatoria, ha avvistato un volatile, la cui caccia in questo periodo peraltro è vietata, e senza considerare la vicinanza alla strada ha esploso un colpo di fucile al suo indirizzo.

Ma ha colpito il ciclista, per fortuna di quest’ultimo solo con alcuni pallini. Il ferito, visitato in ospedale, ha riportato escoriazioni varie ed è stato dimesso con una prognosi di pochi giorni. Sono state immediatamente avviate le indagini che hanno consentito ai carabinieri della stazione di Melfi di identificare il cacciatore e denunciarlo alla Procura della repubblica per il reato di lesioni personali colpose e violazioni delle norme di condotta nell’attività venatoria.

Fonte: http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/GdM_dallabasilicata_NOTIZIA_01.php?IDNotizia=366832&IDCategoria=12


INIZIO STAGIONE VENATORIA 2010/2011



  • 19.09.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – BRESCIA – LOMBARDIA - Mun.spezzata

Scambia l'amico per un fagiano e gli spara, ferito

BRESCIA - Un uomo di 64 anni e' stato ferito stamani durante la prima battuta di caccia della stagione venatoria. E' stato raggiunto al volto da dei pallini sparati da un suo amico, 66 anni. La ferita, a quanto si e' appreso, non e' grave e il cacciatore e' stato portato in ospedale per essere medicato. L'uomo, riferendo dell'accaduto, ha detto: ''Sembrava proprio una femmina di fagiano, invece era la testa del mio amico''. Entrambi i cacciatori abitano nel Bresciano.

L'incidente è avvenuto a Pudiano, una frazione di Orzinuovi, comune della bassa Bresciana al confine con le province di Bergamo e Cremona. Della vicenda si sono occupati i carabinieri di Verlanuova.

Fonte:http://amici-animali.myblog.it/archive/2010/09/19/scambia-l-amico-per-un-fagiano-e-gli-spara-ferito.html



  • 19.09.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - ASCOLI PICENO – MARCHE - Mun.spezzata

Caccia: cade e per errore spara a figlio. Ferito al viso, incidente nelle campagne di Ascoli Piceno.

(ANSA) -ASCOLI PICENO, 19 SET- Incidente di caccia alle porte di Ascoli Piceno. Un uomo e'caduto a terra e dal suo fucile e'partito un colpo che ha ferito il figlio. L'uomo, 56 anni, e' stato portato negli Ospedali riuniti di Ancona; rischia di perdere l'occhio e i pallini potrebbero aver provocato lesioni al cervello. Indaga la polizia.

Fonte:http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2010/09/19/visualizza_new.html_1761398184.html

DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA


  • 09.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – ORISTANO – SARDEGNA- Mun.spezzata

Solarussa, fucilata al volto: ferito cacciatore di Zerfaliu

Davvero una questione di centimetri e la domenica di caccia nell’Oristanese si sarebbe trasformata in tragedia. Ma per fortuna ieri mattina la rosa di pallini partita dal fucile di un collega ha solo ferito un sessantasettenne di Zerfaliu.


L’uomo, ricoverato al pronto soccorso del San Martino di Oristano, è in prognosi riservata ma non sarebbe in pericolo di vita. L’incidente è avvenuto nella tarda mattinata nelle campagne alla periferia di Solarussa. Località Urasi, una zona particolarmente frequentata dagli appassionati della doppietta soprattutto per la presenza di pernici, lepri e quaglie.

Fonte:http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/196532




  • 21.09.2010

*1 FERITO GENTE COMUNE (CICLISTA) - AMB.VENATORIO – VERONA –VENETO- Mun.spezzata

Cacciatore impallina un ciclista in Lessinia

TRAGEDIA SFIORATA. L'escursionista con la sua mountain-bike stava scendendo da Santa Viola. Protagonista della disavventura un ragazzo di 25 anni ferito a una gamba, alle braccia e al volto. L'uomo indagato per lesioni colpose. La zona di Santa Viola, in Lessinia, è meta di numerosi escursionisti. Essere impallinati come un leprotto da un incauto cacciatore mentre si sta tranquillamente pedalando in mountain-bike su un sentiero di montagna. Non è l'epilogo migliore di una mattinata domenicale.


Protagonista della disavventura è un giovane ciclista di 25 anni che domenica era uscito di casa di buon mattino con l'intenzione di passare qualche ora sui monti della Lessinia, in sella alla sua bicicletta.


Non avrebbe mai immaginato però che la sua escursione sarebbe finita intorno alle 11.30, su una barella, nel Pronto soccorso di Borgo Trento. Non per una caduta o per un incidente, ma perché colpito, involontariamente, dai colpi sparati dalla doppietta di un cacciatore che non si era accorto dell'avvicinarsi dello sportivo.


L'escursionista stava scendendo da un sentiero sterrato, in località Santa Viola. Con lui, in zona, c'erano anche altri appassionati delle due ruote. Grazie anche alla bella giornata tutto sembrava andare nel migliore dei modi. Ma all'improvviso, tra le piante, sono esplosi due colpi e lo sfortunato ciclista si è sentito raggiungere da una rosa di pallini che l'hanno colpito in più parti del corpo: ad una gamba, alle braccia e al volto.

Ma per fortuna senza conseguenze gravi. Il primo ad accorrere in suo aiuto è stato lo stesso cacciatore, sconvolto per l'accaduto. È stato lui a chiamare immediatamente un'ambulanza di Verona emergenza.


I soccorritori hanno trasportato la vittima dell'involontario agguato al Pronto soccorso dell'ospedale di Borgo Trento dove gli sono stati estratti dal corpo i pallini che l'avevano colpito. I sanitari l'hanno giudicato guaribile dalle ferite in 15-20 giorni. Ma poteva andare molto peggio. Basti pensare ai colpi che hanno raggiunto il venticinquenne al volto. Sul posto per gli accertamenti sulla dinamica dell'incidente e per raccogliere la testimonianza del cacciatore sono accorsi anche i carabinieri della stazione di Grezzana. L'uomo, che ha 59 anni, è indagato per lesioni colpose. E.S.

http://www.larena.it/stories/Home/184905_cacciatore_impallina_un_ciclista_in_lessinia/







DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

  • 22.09.2010

*1 FERITO GENTE COMUNE (DONNA SULLA PORTA DI CASA CON BAMBINI)- AMB.VENATORIO/DISTANZE - MANTOVA – LOMBARDIA - Mun.spezzata

CACCIA INCIDENTI - Una donna è stata raggiunta accidentalmente da alcuni pallini sparati da un cacciatore mentre stava accompagnando a scuola i figli di 8 e 13 anni. I due bambini sono rimasti illesi mentre la donna, Kaur Kirti, 34 anni di nazionalità indiana, è rimasta leggermente ferita ad una coscia. La paura, però, per madre e figli è stata grande visto che una rosa di pallini si è conficcata sulla porta di casa, sfiorandoli.

L’incidente è successo questa mattina in una casa di campagna a Bellaguarda di Viadana (Mantova). La donna stava uscendo di casa con i due bambini quando ha sentito esplodere tre colpi da altrettanti cacciatori che, a poca distanza, avevano mirato ad una lepre. Ad un tratto la donna ha sentito una fitta ad una gamba, realizzando di essere stata colpita. Accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale di Casalmaggiore è stata poi dimessa nel pomeriggio con una prognosi di pochi giorni. La donna era riuscita ad annotare la targa dell’auto dei cacciatori che, nel frattempo, si erano allontanati. I carabinieri li hanno rintracciati e denunciati per lesioni colpose. Per i militari sarebbe stato L.G., 46 anni, artigiano di Viadana a colpire la donna con un fucile calibro 12, poi sequestrato.


Fonte:http://www.direttanews.it/2010/09/22/caccia-incidenti-donna-ferita-raggiunta-da-alcuni-palline-mentre-portava-i-figli-a-scuola/



  • 24.09.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – PESARO-URBINO – MARCHE- Mun.spezzata

Cacciatore spara ad un animale ma colpisce al collo un collega

Il 40enne ha accidentalmente colpito un 58enne che partecipava alla stessa battuta di caccia. Sul posto i carabinieri

Fano (Pesaro - Urbino), 24 settembre 2010 - Un cacciatore 40enne, sparando, ha accidentalmente colpito al collo con alcuni pallini di rimbalzo un altro cacciatore che partecipava alla stessa battuta di caccia e che si trovava poco distante, nella zona Tombaccia.

Il 58enne colpito, è stato subito soccorso dal chi l'ha colpito e da altre persone presenti, che l'hanno accompagnato all'Ospedale Civile. I medici gli hanno estratto i pallini giudicandolo guaribile in sette giorni. Sul posto, per gli accertamenti del caso, sono intervenuti i carabinieri di Marotta.

Fonte:http://www.ilrestodelcarlino.it/fano/cronaca/2010/09/24/389616-cacciatore_spara_animale.shtml



  • 26.09.2010

1 MORTO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – ISERNIA – MOLISE – Muniz.unica

Un insegnante di Ferrazzano di 49 anni è morto in mattinata in un incidente di caccia.

26.09.2010 - L'uomo, Antonio Maselli, docente presso un istituto di Campobasso, si trovava a caccia con un amico in territorio di Civitanova del Sannio. Ad un certo punto dal fucile dell'amico sono partiti alcuni colpi che hanno colpito in pieno il 49enne. L'altro cacciatore lo ha subito soccorso ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare. E' morto poco dopo. Sulla dinamica dei fatti indagano i carabinieri. L'arma che ha sparato è stata sequestrata. L'altro cacciatore è indagato per ora per omicidio colposo.

Fonte: http://www.altromolise.it/notizia.php?argomento=cronaca&articolo=44726



  • 26.09.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – TREVISO – VENETO-

Treviso. Cacciatore spara al compagno di battuta per sbaglio: gravemente ferito

TREVISO (26 settembre) - Questa mattina verso le 7.00, a Zerman di Mogliano Veneto, un cacciatore è stato ferito alla gamba dal compagno di battuta alla lepre, riportando una grave ferita all'arteria.

Il cacciatore, che è stato ricoverato d'urgenza all'ospedale regionale di Treviso intervenuto con un'ambulanza, pare essere in gravi condizioni. A riferirlo è una nota della Lac del Veneto. "Incidenti del genere purtroppo

DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

risultano sin troppo frequenti -prosegue la nota- solo nella recente stagione di caccia 2008/2009 in Italia si sono verificati ben 96 incidenti di caccia con 65 feriti e ben 31 morti, tra i quali un cercatore di funghi".

«Le attuali leggi sulla caccia sono ormai inadeguate e sorpassate per una società moderna come la nostra e per le nostre campagne fortemente urbanizzate - ha commentato Andrea Zanoni presidente della Lac Veneto- bisognerebbe bloccare subito la caccia e far rifare seri esami a tutti i cacciatori».


«Sono troppi i morti e i feriti per incidenti di caccia e non c'è da stupirsene viste le condizioni in cui si caccia con un altissimo numero di cacciatori che esercita la sua attività pericolosa in un territorio tra i più densamente popolati al mondo - prosegue Zanoni - Si tratta di una schiera di dilettanti perché la stragrande maggioranza dei cacciatori italiani non hanno avuto un addestramento professionale all'uso delle armi, la maggior parte di loro non ha neanche superato un esame in proposito perché ha preso la licenza di caccia prima che le leggi lo prevedessero ovvero prima del 1977».


«Bisogna poi inasprire le sanzioni per chi spara vicino alle case, alle strade ed agli agricoltori al lavoro prevedendo il ritiro della licenza e aumentando e incentivando la vigilanza venatoria oggi pressoché inesistente», insiste Zanoni.


«Quest'anno, con l'apertura della caccia al cinghiale voluta dalla Giunta Zaia - continua il presidente della Lac del Veneto - i rischi di pallottole vaganti in campagna aumenteranno considerevolmente, dato che, per questo tipo di caccia, si utilizzano armi a proiettile con gittate anche di mille metri ed inoltre i nostri cacciatori non hanno nessuna esperienza in merito a questa pericolosa attività di caccia. Purtroppo non è da meravigliarsi se nella nostra provincia i cacciatori prendono sottogamba le norme di sicurezza che prevedono distanze di 100 metri dalle case e di 50 metri dalle strade».


«Abbiamo infatti degli esempi poco edificanti come quello dell'ex Ministro Zaia, ora Governatore del Veneto - conclude Zanoni - che due anni fa si è fatto in quattro per liberare dal carcere un cacciatore trevigiano che aveva violato gravemente la legge sulla caccia della Croazia, o quelli del presidente della provincia Muraro e del sindaco di Treviso Gobbo che hanno sostenuto degli esami di caccia farsa per i quali ci sono stati due processi di altrettanti funzionari per falso ed abuso d'ufficio. Sono esempi negativi che giocano contro il rispetto della legalità e delle norme che disciplinano la caccia facendo sentire i cacciatori «paroni in casa di altri».

Fonte: http://www.gazzettino.it/articolo.php?id=120393&sez=NORDEST




  • 26.09.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – CUNEO – PIEMONTE - Mun.unica

Caccia, un giovane ferito ad un piede. A causa di un colpo partito accidentalmente dal fucile del compagno di battuta


Sanfront - Primo grave incidente con armi da fuoco verificatosi nel Marchesato ad una settimana dall’apertura della caccia.

Un giovane di 21 anni mentre partecipava ad una battuta di caccia al cinghiale sulle montagne di Sanfront, in loc. Fraita, è stato ferito al piede sinistro da una scarica di fucile caricato a pallettoni partito accidentalmente da un suo compagno, scivolato mentre si apprestava a raggiungere la postazione di caccia. Il giovane non è in pericolo di vita, ed è stato prontamente trasportato al posto di primo soccorso della croce verde di Sanfront, dove, vista la gravità della ferita è stato condotto presso il Nosocomio saluzzese: ha perso alcune dita del piede.


I carabinieri di Revello sono arrivati poco dopo sul luogo dell’incidente ed hanno avviato le indagini per chiarire l’esatta dinamica del ferimento e stabilire eventuali responsabilità.

Fonte:http://www.grandain.com/informazione/dettaglio.asp?id=32462


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA


  • 26.09.2010

1 MORTO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – VERCELLI – PIEMONTE- Mun.unica - ELISOCCORSO

Caccia, una domenica di incidenti: due morti e un ferito grave

Le vittime in Molise e Piemonte, il ferito in Veneto. Tutti colpiti per errore.

(...) A Casaccia di Cellio, in Valsesia (Vercelli), Pierino Bruno, pensionato di 61 anni, è morto ucciso dai colpi di fucile sparati da un suo amico. L'incidente è avvenuto in una località impervia a 700 metri di altitudine mentre i due cacciavano cinghiali. Bruno è stato raggiunto alla schiena da due proiettili ed è morto quasi immediatamente. Inutili i soccorsi dell'equipe del 118, giunta sul posto a bordo di un elicottero. M. B. coetaneo della vittima, è indagato per omicidio colposo.

Fonte: http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=120431



  • 27.09.2010

*2 FERITI GENTE COMUNE (CICLISTI SU STRADA)– AMB.VENATORIO/DISTANZE – REGGIO EMILIA – E. ROMAGNA- Mun.spezzata

Reggio Emilia, due ciclisti feriti dai colpi di un cacciatore

Stavano pedalando in sella alle loro biciclette, quando sono rimasti feriti dai pallini esplosi da un cacciatore, probabilmente impegnato nell’attività venatoria, la cui identità resta ancora un mistero.

È accaduto ieri mattina nella frazione Jano di Scandiano, in provincia di Reggio Emilia, a due cicloamatori correggesi di 58 e 54 anni, scambiati per selvaggina durante una tranquilla scampagnata domenicale.

Il primo è stato colpito a un gluteo, mentre il secondo al lobo dell'orecchio destro: subito trasportati presso l’ospedale di Scandiano, entrambi sono stati curati e dimessi con una prognosi di una decina giorni. Il cacciatore che li ha feriti, assolutamente noncurante di quanto provocato, si è allontanato senza soccorrerli.

Sono ancora in corso le indagini da parte dei Carabinieri della locale stazione, immediatamente intervenuti sul posto per mettersi sulle sue tracce. Una volta identificato, l’uomo dovrà rispondere del reato di lesioni, oltre che della vergognosa omissione di soccorso.

Fonte:http://www.barimia.info/modules/article/view.article.php?34370

+ http://www.viaemilianet.it/rssre.php?id=18361>


  • 29.09.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – SONDRIO - LOMBARDIA- Mun.spezzata

Cacciatore ferito per errore durante una battuta di caccia

L'incidente è avvenuto questa mattina nei boschi della località Balzarro nel territorio comunale di Castione - E' rimasto ferito durante una battuta di caccia. L'incidente è avvenuto questa mattina nei boschi della località Balzarro nel territorio comunale di Castione.

Un uomo di 56 anni, C.C., residente a Sondrio è stato colpito per errore in più parti del colpo dai proiettili esplosi da uno e più dei dieci compagni di caccia che erano con lui.

Immediato l’allarme lanciato al 118 e il ferito è stato ricoverato nel reparto di Chirurgia dell’ospedale del capoluogo valtellinese ma non sarebbe in pericolo di vita.

Fonte:http://www.ilgiorno.it/sondrio/cronaca/2010/09/29/391984-cacciatore_ferito_errore_durante_battuta_caccia.shtml

+ Incidente di caccia a Castione: sta meglio il 56enne di Sondrio -CASTIONE Sangue sulla caccia in Valtellina. E questa volta è una doppietta a farne le spese. L'uomo ha 56 anni, è di Sondrio, è stato portato all'ospedale del capoluogo - ricoverato in codice rosso - per un colpo di fucile ricevuto durante una battuta di caccia questa mattina alle 11 nella zona di Castione. Per fortuna la paura è stata presto sostituita dal sollievo visto che il cacciatore, un commerciante residente in città, è stato dimesso nel pomeriggio con una prognosi di dieci giorni. C.C. è stato ferito all'addome e al torace da un colpo di fucile, con proiettili calibro 12 a pallini, sparato da un compagno di caccia. Cinque fucili con le relative munizioni sono stati posti sotto sequestro, in attesa della perizia balistica che farà luce sull'arma che ha sparato.

DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA


Il reato su cui lavorano gli inquirenti è quello di lesioni personali a carico di ignoti. Sulla dinamica stanno indagando i carabinieri della Stazione di Berbenno, intervenuti sul luogo dello sparo insieme al personale del 118.

Fonte:http://www.laprovinciadisondrio.it/stories/Cronaca/157756_incidente_di_caccia_a_berbenno_e_grave_un_56enne_di_sondrio/


  • 30.09.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – ROMA – LAZIO

VELLETRI. Non rinuncia alla caccia e si spara, anziano ferito con fucile artigianale

Nelle campagne tra Lariano e Cori la battuta di caccia si è conclusa con una gamba ferita e una denuncia: colpa di un'arma confezionata tra le mura di casa. Al 72enne era stata ritirato il permesso

Vittima della sua passione per la caccia. Un anziano signore di Velletri, senza porto d'armi perché la polizia glielo aveva già revocato, ha deciso di andare comunque in cerca di prede per le campagne tra Lariano e Cori, ma un colpo è partito per sbaglio.

Quel fucile che aveva costruito con le sue mani, assemblando tubi idraulici, legandoli a un telaio con il fil di ferro, alla prima prova si è rivelato solo un giocattolo pericoloso: dopo essersi ferito alla gamba sinistra con uno sparo accidentale, l'anziano è salito in macchina ed è tornato a casa per poi chiedere aiuto.

I familiari lo hanno accompagnato all'ospedale di Velletri, dove si trova ricoverato con qualche giorno di prognosi. Gli agenti del commissariato lo hanno interrogato e hanno recuperato il fucile fai da te in mezzo ad arbusti e foglie secche.

Nell'abitazione dell'uomo sono state trovate 42 cartucce da caccia di vario calibro e 46 bossoli, mentre in un terreno non recintato nei pressi della sua proprietà i poliziotti hanno trovato un fucile da caccia con matricola abrasa. L'uomo è stato denunciato per fabbricazione, detenzione e porto abusivo di armi e "detenzione abusiva di munizionamento comune da sparo".

Fonte:http://roma.repubblica.it/cronaca/2010/09/30/news/colpito_per_sbaglio_dal_fucile_fai_da_te_anziano_a_caccia_senza_porto_d_armi-7575985/


OTTOBRE 2010


  • 03.10.2010

1 MORTO CACCIATORE – AMB.VENATORIO - .VERONA - VENETO- Mun.spezzata

Domenica 03 Ottobre 2010 . Valpolicella caccia mortale

Questa mattina, domenica 3 ottobre, verso le 10.00, nel comune di Sant'Ambrogio di Valpolicella, in provincia di Verona, un cacciatore di 47 anni è stato ucciso dal compagno di caccia dopo aver sparato una fucilata ad altezza d'uomo.

La vittima è Enzo Marcon. Abitava a Sant'Anbrogio di Valpolicella. I due cacciatori stavano compiendo un'escursione a Monte, una località nei pressi di Sant'Ambrogio, quando è avvenuta la tragedia.Sul luogo dell' incidente sono intervenuti i carabinieri della stazione di Caprino Veronese.

http://zoelagatta.corrieredelveneto.corriere.it/articoli/2010/10/valpolicella_cacciatore_ucciso.html

+

http://www.larena.it/stories/Cronaca/188736_spara_alla_lepre_centra_lamico_muore_operaio_di_s._ambrogio/

+

Cacciatore ucciso, ora si attende l'autopsia

LA TRAGEDIA DI MONTE. Secondo la ricostruzione la tragedia è avvenuta nella boscaglia. Dovrà sciogliere eventuali dubbi sulla dinamica dell'accaduto Il fucile era caricato con cartucce calibro 7 per abbattere i fagiani

I carabinieri a Monte di Sant’Ambrogio dove è avvenuto l’incidente di caccia.

Sarà la dottoressa Alessandra de Salvia ad effettuare l'autopsia su Enzo Marconi, l'uomo di 47 anni ucciso domenica mattina dall'amico di vent'anni più vecchio con cui da sempre andava a caccia.

L'esame autoptico servirà a chiarire la causa della morte anche se non vi sono dubbi che a interrompere drammaticamente quella che per lui e Carlo Zorzi sarebbe stata una delle tante giornate dedicate alla passione comune è stato il colpo di fucile che lo ha colpito mentre, tra i cespugli, si trovava a una ventina di metri dall'amico. Stando alla ricostruzione operata dagli investigatori, e che è parte integrante del fascicolo aperto per l'ipotesi di omicidio colposo che da domenica è sul tavol o del sostituo

DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

procuratore Elvira Vitulli, i due dopo aver attraversato un tratto di cava a Monte si erano introdotti in una boscaglia diretti alla strada sterrata. È stato neltratto in cui la vegetazione impedisce la visuale che i due, Marconi avanti di qualche decina di metri, e Zorzi alle sue spalle, avevano con tutta probabilità notato il movimento di qualche lepre.

La vittima, sposato e senza figli, era più vicino alla strada quando a Zorzi è parso di vedere un fagiano, ha mirato dimenticandosi che l'amico si trovava in quella stessa direzione e ha esploso un solo colpo. Avevano vari tipi di cartucce, quella con la quale era caricato il fucile del sessantenne era di calibro 7 consigliata per l'abbattimento di fagiani ad inizio stagione, non ideale però per andare a lepri (ma i carabinieri hanno sequestrato vari tipi di munizioni che saranno esaminate nel corso delle indagini per verificare la conformità alle norme che regolano la caccia).

Una disattenzione che è stata fatale: la vegatazione ha impedito a Zorzi di scorgere che dietro a un cespuglio c'era l'amico. Marconi è caduto senza un lamento, la rosa di pallini lo ha raggiunto in sette punti (ma solo l'autopsia potrà stabilire esattamente il numero delle ferite) distribuiti dalla gamba al cuore, una distanza che ha permesso di stabilire che tra i due la distanza non fosse inferiore ai venti metri.

Stando a quanto Zorzi ha dichiarato ai carabinieri di Caprino, non si sarebbe accorto subito di aver colpito l'amico ma non sentendolo più si è incamminato nella direzione in cui lo aveva vistol'ultima volta. Lo ha trovato a terra, immobile. È stato lui a chiamare i soccorsi ma per Marconi non c'era più nulla da fare. Raggiunto al cuore e colpito a morte da una rosa di pallini.

Fonte:http://www.larena.it/stories/380_in_piazza/189020_cacciatore_ucciso_ora_si_attende_lautopsia/

+

Fonte:http://www.veronaoggi.it/2010/ottobre/05ottobre/newsV109033.htm



  • 03.10.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – MASSA CARRARA - TOSCANA

Cacciatore ferito, è giallo

Un cacciatore di 72 anni, è rimasto ferito da una fucilata durante una battuta di caccia a Irola, una frazione del comune di Villafranca (Massa Carrara) in Lunigiana. L'uomo verso le 18 è stato raggiunto alla gamba da un colpo di fucile non si sa ancora se partito dalla sua arma o da quella di un compagno di battuta.

Il ferito è stato soccorso dai volontari della Pubblica Assistenza di Pontremoli che lo hanno trasportato all'ospedale di Carrara dove è ricoverato nella divisione di chirurgia vascolare. Il cacciatore che è residente a Bagnone (Massa Carrara) non sembra in pericolo di vita. I carabinieri stanno cercando di ricostruire la dinamica dei fatti per capire da quale fucile è partito, probabilmente in modo accidentale, il colpo che ha ferito l'uomo.

Fonte:http://iltirreno.gelocal.it/massa/cronaca/2010/10/03/news/cacciatore-ferito-e-giallo-2459098


  • 04.10.2010

    1 FERITO GENTE COMUNE (DONNA) – AMBITO VENATORIO – AGRIGENTO - SICILIA- Mun.spezzata

Grotte, donna ferita in incidente di caccia

04.10.2010 - Una donna di 47 anni di Grotte è stata ferita ad una coscia e alla gamba da alcuni pallini esplosi da un cacciatore che si trovava in aperta campagna fra Grotte e Racalmuto, nell’Agrigentino. La donna, che non è in pericolo di vita, è stata portata all’ospedale “Barone Lombardo” di Canicattì dove i medici mantengono riservata la prognosi. Indaga la polizia di Canicattì.

Fonte:http://www.agrigentoweb.it/grotte-donna-ferita-in-incidente-di-caccia_59150/


  • 04.10.2010

    1 FERITO GENTE COMUNE (JOGGING) - AMB.VENATORIO – MANTOVA – LOMBARDIA- Mun.spezzata

Impallinato al posto della lepre Un 53enne di Riva di Suzzara è stato ferito, mentre faceva jogging, dai pallini sparati da un cacciatore che l'aveva scambiato per una lepre. L'uomo è stato soccorso dallo stesso cacciatore.Impallinato al posto della lepre.


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

SUZZARA. Impallinato da un cacciatore mentre fa jogging sull'argine del Po a Riva di Suzzara. Era stato scambiato per una lepre. Un 58enne è finito così in ospedale, portato dallo stesso cacciatore che lo aveva ferito. In corpo aveva cinque pallini. Tre gli sono stati tolti.


Altri due i medici hanno preferito lasciarli al loro posto: uno nel mento e l'altro nel collo. Il cacciatore è stato denunciato per lesioni colpose e il fucile sequestrato.

Il cacciatore che l'ha impallinato è stato il primo a soccorrere il ferito e a portarlo in ospedale. Subito dopo si sarebbe presentato anche alla caserma dei carabinieri per autodenunciarsi.

Fonte: http://gazzettadimantova.gelocal.it/cronaca/2010/10/04/news/impallinato-al-posto-della-lepre-2465673



  • 04.10.2010

1 MORTO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – AOSTA – FRIULI VENEZIA GIULIA

CACCIATORE MUORE PER COLPO ACCIDENTALE DA PROPRIO FUCILE

(ANSA) - AOSTA, 4 OTT - Un cacciatore e' morto oggi in localita' Chameran a Quart colpito da un proiettile esploso accidentalmente dal proprio fucile.


L'uomo, Osvaldo Noussan, di 80 anni, pensionato, residente a Quart, stava estraendo l'arma dall'auto quando e' partito un colpo che lo ha raggiunto in pieno petto. A nulla sono valsi i soccorsi. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. (ANSA).

Fonte:http://www.regione.vda.it/notizieansa/details_i.asp?id=99901



  • 10.10.2010

1 MORTO CACCIATORE – AMB.VENATORIO - LIVORNO – TOSCANA - ELISOCCORSO

Incidenti caccia: morto anziano ferito a Castiglioncello. Colpo partito per errore della stessa vittima

(ANSA) - LIVORNO, 10 OTT - E' morto Alfio Carrai, 71 anni, ferito gravemente ieri mattina in un incidente di caccia a Fortullino, vicino a Castiglioncello (Livorno). L'anziano, di Capannoli (Pisa), era stato ricoverato in condizioni gravissime.


Secondo la ricostruzione dei carabinieri Carrai, all'interno di un capanno per cacciatori, ha afferrato il fucile di un amico per passarglielo, ma ha urtato il grilletto facendo partire un colpo che lo ha raggiunto alla testa.(ANSA).

+

Un colpo dal fucile da caccia Anziano ferito gravemente

E' successo nella zona di Fortullino, vicino a Castiglioncello. L'uomo, 71 anni, è ferito alla testa.

Livorno, incidente di caccia


9 ottobre 2010 - Incidente di caccia, un uomo è rimasto gravemente ferito. L'uomo, che 71 anni, è ricoverato all'ospedale di Livorno. L'incidente di caccia è avvenuto questa mattina nella zona di Fortullino, vicino a Castiglioncello (nel comune di Rosignano).


Il 71enne e' rimasto ferito sul lato destro del corpo e in particolare alla testa. L'episodio e' avvenuto poco dopo le 7 all'interno di un capanno: il cacciatore, secondo la ricostruzione dei carabinieri, avrebbe afferrato il fucile appoggiato per qualche istante contro una parete, ma avrebbe urtato il grilletto facendo partire il colpo. Difficli le operazioni di soccorso: la zona non è facile da raggiungere e i cellulari non funzionano regolarmente. Sul posto, oltre a un'ambulanza arrivata da Rosignano, sono intervenuti carabinieri, vigili del fuoco e il 'Pegaso' del 118.


L'elicottero ha tentato piu' volte di atterrare, ma la zona e' impervia e, anche per via del vento forte, si e' deciso di recuperare il ferito via terra. Il cacciatore e' entrato in pronto soccorso in condizioni disperate: e' stato ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione.

Fonte:http://www.lanazione.it/livorno/cronaca/2010/10/09/397076-colpo_fucile_caccia.shtml


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

  • 10.10.2010

1 MORTO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – REGGIO C. - CALABRIA

Lazzaro. Un pensionato di 68 anni, Nicola Calabrò, è stato ucciso da un colpo di fucile che lo ha raggiunto petto. Il cadavere è stato rinvenuto ai margini di un sentiero a Lazzaro, nel reggino. Secondo la ricostruzione degli inquirenti l’uomo era uscito per una battuta di caccia. I familiari non vedendolo rientrare a casa hanno lanciato l’allarme e subito sono scattate le ricerche. Il corpo, che è stato ritrovato da uno dei familiari, è stato trasferito nell’obitorio degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria per l’autopsia. I carabinieri di Melito Porto Salvo, intervenuti, indagano sulla pista dell’incidente di caccia sebbene non escludano altre ipotesi.

Fonte:http://www.cn24.tv/news/12559/lazzaro-pensionato-ucciso-a-colpi-di-fucile-incidente-di-caccia-o-omicidio.html


  • 10.10.2010

1 MORTO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – VERBANIA – LOMBARDIA-- Mun.unica

Caccia: uccide amico per errore. Aveva scambiato compagno per un cinghiale.

(ANSA) - VERBANIA, 10 OTT - Un cacciatore e' stato ucciso, per errore, da un suo compagno durante una battuta al cinghiale in Valle Strona (Vco). La vittima e' Gelsomino Vittoni, 46 anni, di Vallestrona. A sparargli, uccidendolo sul colpo, Raffaele Piana, 44 anni, in una zona con fitta vegetazione, mentre c'era nebbia.

Vittoni e Piana facevano parte di un gruppo partito da Vallestrona. L'uomo, sentendo dei rumori, ha pensato forse che si trattasse di un cinghiale. Indagano i carabinieri.

Fonte:http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2010/10/10/visualizza_new.html_1734409370.html


  • 11.10.2010

1 MORTO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – TRENTO – TRENTINO A.A

Cade e si spara. Morto dissanguato

FESTA DI BRENTONICO - È morto per un incidente di caccia, forse ucciso dalla sua stessa carabina: Graziano Tardivo, 45 anni, cacciatore di Festa di Brentonico è stato trovato ieri sera nei boschi del Baldo, sotto malga Canalece, vicino al rifugio Graziani dai suoi amici che avevano avviato le prime ricerche al tramonto, dopo che Tardivo non aveva fatto rientrato a casa. L'uomo si era infatti allontanato la mattina presto, con i sue due cani di razza setter. Sono stati proprio i cani, rimasti vicino al loro padrone, ad abbaiare richiamando i soccorritori sul posto. Tardivo era morto dissanguato per una ferita al femore, che gli ha reciso l'arteria: probabilmente un colpo partito accidentalmente mentre maneggiava il fucile. Tardivo era conosciutissimo, perchè attivo da anni nella sezione cacciatori e anche negli alpini.

Fonte:http://www.ladige.it/news/2008_lay_notizia_01.php?id_cat=4&id_news=83236



  • 11.10.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - PISA - TOSCANA- Mun.spezzata - ELISOCCORSO

Cacciatore ferito gravemente ad un occhio PIAZZA AL SERCHIO - Un uomo di 47 anni, L.A. le iniziali, e' rimasto ferito gravemente ad un occhio mentre si trovava a caccia nei boschi. Secondo una prima ricostruzione, all'uomo sarebbe partito un colpo accidentale dal fucile mentre si stava chinando. I pallini sparati dall'arma gli hanno colpito un occhio, sfiorandogli anche la tempia. A dare l'allarme e' stato un amico che si trovava a caccia con lui. L'uomo e' stato trasportato d'urgenza con l'elicottero all'ospedale Santa Chiara di Pisa.

Fonte:http://www.noitv.it/notizie/2010/NL147708



  • 11.10.2010

*§1 FERITO GENTE COMUNE MINORE (12enne colpita al volto nel cortile di casa) AMB.VENATORIO/DISTANZE – ASTI - PIEMONTE

Dodicenne ferita di striscio da cacciatore nell astigiano

(ANSA) - ASTI, 11.10.2010

DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

Una ragazzina di 12 anni e' stata ferita di striscio al volto da una fucilata sparata da un cacciatore. Il fatto nel pomeriggio di ieri a Rocchetta Palafea nella langa astigiana. Quando e' accaduto, la dodicenne stava giocando nel cortile di casa. Soccorsa dai familiari, dopo la medicazione all'ospedale di Nizza Monferrato e' stata subito dimessa. (ANSA).

Fonte:http://www.altaitaliatv.com/frontend/altaitalia/legginews.aspx?id=12835


  • 14.10.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – VITERBO – LAZIO - Mun.unica

Cacciatore ferito da un colpo di fucile, rischia l'amputazione di un braccio

CANINO - Grave incidente di caccia nel primo pomeriggio di mercoledì nelle campagne intorno alla Selva del Lamone, nel territorio di Canino. Durante una battuta al cinghiale uno dei cacciatori, Rocco Bocci, 65 anni, è stato seriamente ferito da un colpo di fucile che lo ha raggiunto a un braccio.

Sul posto, appena allertati, si sono subito recati i sanitari del 118 e i carabinieri della locale stazione, che hanno avviato le indagini del caso. L'uomo, condotto in eliambulanza al Policlinico Gemelli di Roma, è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico nel tentativo di salvarlo dall'amputazione dell'arto.

Fonte:http://www.ontuscia.it/news.php?extend.50346.1

+

Latera - Grave incidente di caccia. Lo scambia per un cinghiale e gli spara

Viterbo - 14 ottobre 2010

Fonte:http://www.tusciaweb.it/notizie/2010/ottobre/14_2caccia.htm



  • 14.10.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - BERGAMO - LOMBARDIA- Mun.spezzata

Impallinato dal nipote a Castione. Ferito cacciatore bergamasco

Era a caccia con il nipote quando improvvisamente è stato investito da una rosa di pallini da caccia, con tutta probabilità partiti per errore dal fucile imbracciato dal nipote. L'episodio si è verificato intorno alle 9.30 di giovedì 14 ottobre nei boschi in prossimità del rifugio Magnolini, nel territorio di Castione della Presolana.

L'uomo, un bergamasco di 49 anni, è stato trasferito con l'elisoccorso del 118 di Bergamo al pronto soccorso dell'ospedale Antonio Locatelli di Piario. Le sue condizioni non sembrano gravi ma il ferito è stato colpito da numerosi piccoli pallini da caccia. Sul fatto anche i carabinieri della zona.

Fonte:http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/326225/



  • 14.10.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – BERGAMO - LOMBARDIA

Usa senza licenza il fucile del padre

A Ubiale 32enne perde un dito. È andato a caccia con il padre e, pur non avendo la licenza, ha sparato un colpo. Ma il fucile si è inceppato e la canna è espolsa. Brutto incidente nel pomeriggio di mercoledì 13 ottobre a Ubiale. Un 32enne di Ubiale si è ferito a una mano e nell'esplosione della canna del fucile ha perso il pollice della mano sinistra.

L'incidente si è verificato nel pomeriggio e a ricostruire la vicenda sono stati i carabinieri di Almenno San Salvatore dopo essere stati contattati dal pronto soccorso dell'ospedale di San Giovanni Bianco. Qui il 32enne si era presentato con una brutta ferita da esplosione alla mano sinistra. Insospettiti, i medici hanno segnalato la ferita alle forze dell'ordine. Si è scoperto così che il giovane era andato a una battuta di caccia con il padre, un 70enne con regolare licenza e porto d'armi. L'uomo avrebbe passato il fucile al figlio che ha così sparato un colpo. Subito dopo l'esplosione che al 32enne ha provocato l'amputazione del dito.

I carabinieri hanno quindi denunciato il 70enne per omessa custodia d'arma e il figlio per porto abusivo di arma. I militari hanno anche sequestrato 6 fucili e un centinaio di cartucce che il 70enne deteneva legalmente nella sua abitazione.

Fonte:http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/161027_usa_senza_licenza_il_fucile_del_padre_a_ubiale_32enne_perde_un_dito/


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

  • 16.10.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO -ALESSANDRIA-PIEMONTE- Mun.spezzata

Alessandria: 62enne ferito al volto in incidente di caccia

(Adnkronos) - Un uomo di 62 anni e' rimasto ferito questa mattina in provincia di Alessandria durante una battuta di caccia. Uno dei due amici che erano con lui, infatti, ha esploso dei colpi di fucile caricato a pallini nella sua direzione, colpendolo al volto. Portato d'urgenza all'ospedale Molinette di Torino, e' stato subito trasferito all'oftalmico, dove ha subito un intervento chirurgico all'occhio destro. Non corre pericolo di vita.

Fonte:http://www.libero-news.it/regioneespanso.jsp?id=511829



  • 17.10.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – LATINA - LAZIO- Mun.spezzata

Battuta di caccia Un ferito

LATINA E' finita in ospedale la battuta di caccia di due amici pontini - Vincenzo A.

di 61 anni e Alberto S. di 54 - i quali, accomunati dalla stessa passione, all'alba di ieri avevano scelto le campagne di Borgo Santa Maria, a Latina, per praticare la loro attività. Tutto bene fino alle 11 quando, per un banale sbaglio che per fortuna non ha portato a gravi conseguenze, gli spari hanno raggiunto le gambe del 61enne. Quest'ultimo stava dando la caccia ad un coniglio e si era accovacciato dietro a un cespuglio: l'amico, ingannato dai rumori provenienti dalla pianta, ha aperto il fuoco, prendendo in pieno le gambe del compagno. Immediato il soccorso da parte del 54enne, che con la sua auto ha trasportato in ospedale il compagno di caccia per la rimozione dei pallini.

Fonte:http://www.iltempo.it/latina/2010/10/17/1209661-battuta_caccia_ferito.shtml



  • 17.10.2010

1 MORTO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - RIETI - LAZIO- Mun.unica

Scambiato per cinghiale, ucciso da cacciatore

L'incidente a Rocca Sinibalda, in provincia di Rieti. Muore un uomo di 41 anni.

RIETI - Colpito per sbaglio perché scambiato per un cinghiale. Un uomo di 41 anni è morto nei boschi di Rocca Sinibalda, in provincia di Rieti: un altro cacciatore di 57 anni era uscito con il cane, che ha iniziato ad abbaiare seguendo la pista di un cinghiale. Mentre era nei boschi, il cacciatore di 57 anni ha visto un cespuglio muoversi, e credendo di vedere un animale ha invece sparato a un altro cacciatore, colpendolo a morte. Sulla vicenda sono in corso accertamenti da parte delle forze dell'ordine.

Fonte:http://www.tg1.rai.it/dl/tg1/2010/articoli/ContentItem-5a3952a2-858c-48a0-97ae-9d22985e639f.html


  • 17.10.2010

1 MORTO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – CASERTA - CAMPANIA

TRAGEDIA A PRATELLA: CACCIATORE 42ENNE MUORE COLPITO DA UNA FUCILATA

morto_per_incidente_di_caccia La notizia è riferita dal sito caiazzorinasce.net. Il fatto si è verificato nel pomeriggio di oggi. Ora indagano i carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese

PRATELLA – Si chiamava Nicola Tartaglione, aveva 42 anni. E’ morto oggi pomeriggio mentre partecipava a una battuta di caccia. Probabilmente, come riferisce il sito www.caiazzorinasce.net, è stato colpito da una fucilata partita per sbaglio dall’arma di un altro cacciatore. Sul posto si sono immediatamente portati i carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, che indagano sull’accaduto.

Fonte:http://www.casertace.biz/index.php?option=com_content&view=article&id=2476:tragedia-a-pratella-cacciatore-42enne-muore-colpito-da-una-fucilata&catid=46:piedimonte-m-caiazzo-alto-casertano&Itemid=54


  • 18.10.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – AREZZO - TOSCANA

Ancora un incidente di caccia. Cacciatore di cinquantanni ricoverato all'ospedale fiorentino di Careggi

Il colpo è partito all'improvviso - mentre il cacciatore stava sistemando il suo fucile - e gli ha devastato una


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

mano. L'uomo, E.P., cinquant'anni, residente a Bettolle, frazione del comune di Sinalunga, è adesso ricoverato nell'ospedale fiorentino di Careggi, dove è stato trasferito d'urgenza. Secondo una prima ricostruzione l'incidente di caccia è avvenuto intorno alle 16,20, a Sogna, nei boschi di Ambra. Tutta da chiarire ancora la dinamica: sembra che il colpo sia stato esploso accidentalmente dall'arma dello stesso cacciatore e lo ha centrato ad una mano. Sono immediatamente scattati i soccorsi e un'ambulanza del 118 ha raggiunto la zona impervia nei boschi di Ambra, mentre nelle vicinanze è stato fatto atterrare l'elisoccorso (nella foto). Il cinquantenne è stato quindi trasportato in un centro specializzato del nosocomio fiorentino dove le sue condizioni vengono costantemente monitorate

Fonte:http://www.saturnonotizie.it/notizie/commenti/27185/



  • 18.10.2010

1 FERITO GENTE COMUNE MINORE (nel PROPRIO TERRENO) - AMB.VENATORIO/DISTANZE - REGGIO C. - CALABRIA- Mun.spezzata

SCILLA. Incidente di caccia nella frazione Melia. In località “Piano Aquile”, G. B., 17 anni, mentre si trovava all’interno del proprio appezzamento terreno agricolo, è stato attinto accidentalmente da un colpo di fucile da caccia caricato a pallini, esploso da G. C, 63 anni.

BAGNARA CALABRA. R. D., 78 anni, ha denunziato che ignoti, approfittando della sua momentanea assenza, si sono introdotti nella propria abitazione forzando una porta ed hanno asportato: un fucile da caccia doppietta calibro 12 marca Glaif e 110 cartucce calibro 12.

RIZZICONI. Ignoti hanno esploso alcuni colpi di fucile all’indirizzo della saracinesca del garage di proprietà di M. T., 54 anni. I proiettili penetrati all’interno hanno danneggiato l’autovettura Fiat Punto.

Fonte:http://www.mediterraneonline.it/2010/10/18/carabinieri-brevi-di-cronaca-reggina-del-18-ottobre-2010/


  • 20.10.2010

1 MORTO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – BELLUNO - VENETO- Mun.unica

Incidenti caccia: un morto nel bellunese. Si e' trovato su traiettoria colpo sparato da un compagno.

Incidenti caccia: un morto nel bellunese (ANSA) - BELLUNO, 20 OTT - Un cacciatore di 50 anni di Comelico Superiore e' morto oggi per le conseguenze di un incidente avvenuto durante una battuta di caccia al camoscio. Il fatto e' accaduto nella frazione di Padola. Secondo quanto si e' appreso l'uomo, uscito con altri due conoscenti, si sarebbe trovato sulla traiettoria del secondo colpo sparato da uno dei compagni nella direzione dell'animale fatto fuggire dalla prima esplosione. Il decesso e' stato istantaneo.

Fonte:http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2010/10/20/visualizza_new.html_1730006341.html

+

Cacciatore muore centrato dal colpo di un compagno

BELLUNO. Una tragica caccia al camoscio.

COMELICO SUPERIORE (BL)-Un cacciatore di Comelico Superiore è morto ieri poco dopo le 13 per le conseguenze di un incidente avvenuto durante una battuta di caccia al camoscio. La vittima è Renzo Alfarè Lovo: aveva 50 anni. Il fatto è accaduto nella frazione di Padola.

In un primo momento si era parlato di un possibile incidente (uno scivolone dello steso cacciatore, dal cui fucile sarebbe partito un colpo che lo avveva colpito all'addome).

Secondo quanto si è appreso in seguito, invece, l'uomo, uscito con altri due conoscenti, si sarebbe trovato allo scoperto sulla traiettoria del secondo colpo sparato da uno dei compagni di caccia nella direzione dell'animale fatto fuggire dalla prima esplosione.

Il decesso è stato istantaneo. Sul posto per le prime indagini i carabinieri e la polizia provinciale.

In serata si è appreso che lo sfortunato cacciatore era in compagnia del figlio e di un amico.

Sull'esatta dinamica dell'incidente stanno indagando ora gli uomini della Guardia di Finanza di Auronzo di Cadore: c'è da accertare infatti chi ha sparato il colpo che ha raggiunto Alfarè Lovo per sbaglio: secondo le prime verifiche sembra che si tratti dell'amico e non del figlio. L'incidente è avvenuto a 2000 metri di quota in una zona abbastanza impervia coperta di nevischio e mentre piovigginava, condizioni sfavorevoli che hanno costretto a far intervenire l'elicottero del Soccorso Alpino di Pieve di Cadore per il recupero della salma. Il magistrato ha disposto l'autopsia. La tragedia ha colpito tutto il Comelico: Alfarè Lovo era noto


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

perché, assieme al cognato, gestiva un'impresa edile.

Fonte:http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Regione/193716__cacciatore_muore_centrato_dal_colpo_di_un_compagno/


  • 21.10.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – AVELLINO – CAMPANIA

Incidente di caccia: ferito 36enne. Ricoverato in ospedale, ne avrà per 15 giorni

Avellino- Pensava di aver colpito la volpe, invece, G. D. M. di Bisaccia ha colpito il suo amico Pasquale Merola. L’episodio si è verificato in località Valle Fiumava a Bisaccia. I due amici avevano deciso di dar caccia alla volpe che da qualche tempo si aggirava da quelle parti, ma il tutto è finito con un brutto incidente. L’operaio colpito, ora si trova in ospedale, dove i medici gli hanno estratto il pallino.

Fonte:http://www.ottopagine.net/common/interna.aspx?id=11131



  • 22.10.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – VERONA - VENETO

Gli partono due colpi, cacciatore perde un dito

BONAVIGO. Il grave infortunio è accaduto ieri mattina nelle campagne di via Saletto ad un 64enne residente a Lonigo. All'uomo è scivolato il fucile dopo aver sparato in aria e sono esplose due cartucce che l'hanno ferito alla mano.

Bonavigo. Gli partono accidentalmente due colpi dal fucile con il quale sta partecipando ad una battuta di caccia: il primo lo schiva, il secondo lo colpisce invece alla mano sinistra tranciandogli di netto il dito pollice. Grave incidente, ieri mattina, nelle campagne di Bonavigo per Giorgio Caporiondo, 64enne di Lonigo (Vicenza), ex assessore, che ha concluso all'ospedale di Legnago quella che doveva essere una giornata di relax dedicata alla sua passione di sempre.

L'uomo era giunto all'alba nei campi affacciati su via Saletto, lungo la strada che congiunge Orti al capoluogo, assieme a un nipote di 50 anni residente sempre nella cittadina berica, con l'intenzione, comune in questo periodo a tanti cacciatori, di riempiere il carniere di allodole. Improvvisamente, intorno alle 11, si è verificato l'infortunio che, solo per una serie di circostanze favorevoli, non è sfociato nell'ennesima tragedia di caccia. Il 64enne aveva appena sparato un colpo in aria con il suo semiautomatico prodotto dalla «Franchi» per abbattere un uccello quando il fucile gli è scivolato di mano. In una frazione di secondo sono esplose, una di seguita all'altro, le due cartucce entrate in canna all'uscita del bossolo. G.C. è riuscito ad evitare il primo colpo prima che il fucile, detenuto regolarmente, cadesse a terra mentre il secondo l'ha preso in pieno causandogli serie lesioni alla mano sinistra.

Il tutto è avvenuto sotto gli occhi del nipote, che ha allertato immediamente i soccorsi mentre il 64enne perdeva molto sangue. L'uomo è stato quindi trasferito in ambulanza all'ospedale «Mater Salutis» dove è stato sottoposto ad intervento chirurgico. Ora si trova ricoverato nel reparto di Ortopedia ma le sue condizioni non destano preoccupazione. Sul luogo dell'incidente sono intervenuti i carabinieri di Minerbe che hanno compiuto gli accertamenti e raccolto la testimonianza del nipote. S.N.

Fonte:http://www.larena.it/stories/Home/194119_gli_partono_due_colpicacciatore_perde_un_dito/

  • 24.10.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – FIRENZE – TOSCANA – Muniz.unica.

Ferito durante una battuta di caccia al cinghiale. E' successo nei boschi di Palazzuolo sul Senio (Firenze). L'uomo, 40 anni, è stato soccorsi dal 118 avendo riportato ferite da arma da fuoco.

Sembra che l'uomo sia caduto in un dirupo dopo esser stato raggiunto alla spalla sinistra da un colpo di fucile. Cadendo nel vuoto per diversi metri, ha anche riportato vari traumi e accusato un

deficit motorio agli arti inferiori.


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

I primi a soccorrerlo sono stati i compagni di battuta, fra cui un medico. Difficile il recupero del ferito, caduto in un punto impervio, tanto che sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con un elicottero dotato di verricello.

L'emergenza e' scattata dopo le 15 e secondo prime informazioni sembrava che fossero due i cacciatori feriti, e non uno soltanto come poi ha chiarito il personale del 118.

Fonte:www.lanazione.it/firenze/cronaca/2010/10/24/404395-feriti_durante_battuta.shtml


  • 24.10.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – LIVORNO – TOSCANA –muniz.spezz.

Perde un occhio a caccia. Fucilata ferisce 65enne: si cerca chi ha sparato. di Carlo Cecchini

CASTAGNETO. Impallinato ad un occhio durante una battuta di caccia. Una ferita gravissima che gli è costata la perdita della vista dall'occhio sinistro. E' successo nei giorni scorsi, nella macchia di Marina di Castagneto. Involontario protagonista della vicenda è un 65enne di Pistoia, Santino Meoni che martedì scorso era arrivato nel Castagnetano, in compagnia del genero, per parecipare ad una battuta di caccia. L'uomo ha perso l'occhio sinistro dopo essere stato sottoposto ad una serie di interventi chirurgici all'ospedale di Cecina. Ora la polizia locale ha aperto un'inchiesta per individuare il cacciatore che ha sparato: l'accusa è lesioni colpose ed omissione di soccorso. Gli agenti sono intervenuti quando l'uomo era già stato trasportato al pronto soccorso dell'ospedale. Meoni presentava una vistosa ferita all'occhio sinistro diagnosticata con prognosi di 30 giorni. Sul referto si parla di «ferita da pallino di caccia ritenuto in introrbitrario sinistro che si posiziona in sede postero mediale». L'uomo aveva perso la vista dall'occhio sinistro e ai poliziotti raccontava che mentre si trovava a caccia col genero, attorno alle 7,30 di marredì scorso, veniva raggiunto da una fucilata conmunizioni a pallini che lo colpiva all'arcata sopraccigliare sinistra. Nell'impatto Meoni finiva addirittura a terra. Nell'immediatezza si presentava un altro cacciatore, che era nelle vicinanze. Quest'ultimo dichiarava di non aver sparato e che si trovava in quel luogo per cercare un fagiano precedentemente ucciso. L'uomo, che si trovava in compagnia di un altro cacciatore, forniva comunque le proprie generalità al ferito. Meoni in ospedale è stato sottoposto a alcuni delicati interventi chirurgica al termine dei quali apprendeva che l'uso dell'occhio sinistro era irrimediabilmente compromesso. Gli agenti del commissariato di polizia di Cecina hanno subito avviato le ricerche: dapprima individuando ed ascoltando i cacciatori indicati dal ferito, entrambi livornesi. Questi, interrogati, negavano ogni addebito riferendo che la zona di caccia di Marina di Castagneto è comunque un'area molto trafficata e che loro si erano avvicinati al luogo, con armi in spalla e privi di munizioni, solo per cercare un fagiano precedentemente abbattuto. Ma l'indagine della polizia cecinese non si ferma qui. In collaborazione con la squadra mobile di Livorno sono infatti in corso ricerche per individuare il responsabile del ferimento nonchè dell'omissione di soccorso. Fonte: http://iltirreno.gelocal.it/cecina/cronaca/2010/10/24/news/perde-un-occhio-a-caccia-2586645


  • 30.10.2010

1 FERITO CACCIATORE AMB.VENATORIO – FIRENZE – TOSCANA – muniz.unica - ELISOCCORSO

Sabato 30 Ottobre 2010 . Incidente di caccia, ferito un 40enne

Un compagno di battuta avrebbe sparato due colpi contro un sanminiatese pensando che si trattasse di un cinghiale. Intervenuto Pegaso

30/10/2010 - Incidente di caccia questo pomeriggio, sabato 30 ottobre, nei boschi di Montaione, in una zona abbastanza impervia.

Secondo le prime informazioni pare che un cacciatore abbia sparato dopo aver sentito dei movimenti, DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA pensando che si trattasse di un cinghiale. L'uomo ha invece colpito due volte un compagno di battuta, sembra un 40enne di San Miniato. Sul posto i sanitari del 118 hanno provveduto a allertare l'elisoccorso Pegaso che ha trasferito il ferito a Careggi. Fortunatamente sembra che i pallini che hanno colpito il 40enne abbiano trapassato una gamba, evitando conseguenze ben peggiori. Sul posto anche i carabinieri della Compagnia di Empoli.

Fonte:http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2010/10/30/visualizza_new.html_1726217897.html

+

MONTAIONE. Ha sparato durante una battuta di caccia al cinghiale. Ma i due pallettoni hanno centrato in pieno un suo compagno di squadra, Domenico Rossetti, 61 anni, di Gambassi, ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Careggi. L'incidente è avvenuto ieri mattina nei boschi di Montaione. La squadra di caccia di Corazzano era impegnata in una battuta in località Carfalone, nella zona della Sughera.

Fonte: http://iltirreno.gelocal.it/empoli/cronaca/2010/10/31/news/ferito-dal-compagno-di-caccia-durante-una-battuta-al-cinghiale-2634790




NOVEMBRE



  • 03.11.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – CUNEO - PIEMONTE

L'uomo stava cacciando con un compagno

Venasca - Dopo l'episodio della pallottola finita in un televisore, dopo il ferimento ad un piede di un giovane cacciatore, questa mattina (mercoledì 3 novembre), verso le ore 10, nel comune di Venasca, si è verificato un altro incidente di caccia. I.G., 78 anni, è rimasto ferito ad una gamba per un colpo partito dal fucile di un compagno di battuta. I due cacciatori si trovavano dietro il cimitero del paese. L'uomo è stato trasportato al Santa Croce di Cuneo in prognosi riservata ma non è in pericolo di vita. Le indagini sono condotte dai carabinieri di Saluzzo.

Nel pomeriggio, nella zona tra Paesana e Barge, un cacciatore di 55 anni, sentitosi male per un problema cardiaco, è stato recuperato dal soccorso alpino in un canalone. E' stato ricoverato anche lui al Santa Croce di Cuneo.

Fonte:http://www.grandain.com/informazione/dettaglio.asp?ID=33161

  • 04.11.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – MACERATA – MARCHE

Civitanova: battuta di caccia rischia di finire in tragedia, 33enne ferito ad un occhio

Esce con un amico per una battuta di caccia e rimane ferito all'occhio destro. Vittima dell'incidente, che ha sfiorato la tragedia, è Marco Marconi di 33 anni.

Erano da poco passate le 3 di pomeriggio quando un colpo, sparato dall'amico del 33enne, sarebbe andato a sbattere accidentalmente contro un pioppo e, rimbalzando, sarebbe andato a sbattere contro l'occhio del maceratese. Questa l'ipotesi più accreditata dagli investigatori che, effettuati i rilievi del caso, sono in attesa di una conferma ufficiale.

Immediatamente soccorso dall'amico Marco Marconi è stato poi trasportato all'ospedale civitanovese per gli accertamenti e le cure. Gli esami hanno subito rassicurato i due cacciatori. Il 33enne infatti non rischia di perdere l'occhio. Ora il giovane è stato trasferito all'ospedale di Macerata, nel reparto di oculistica, dove i sanitari che lo hanno in cura mantengono ancora riservata la prognosi per sicurezza, pur confermando quella dei colleghi. di Sudani Scarpini

Fonte:http://www.vivereancona.it/index.php?page=articolo&articolo_id=268643



DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

  • 04.11.2010

1 MORTO CACCIATORE – AMB.VENATORIO - PERUGIA – UMBRIA - ELISOCCORSO

Caccia: ucciso da colpo di fucile durante battuta cacciatore nello spoletino

Perugia, 4 nov. (Adnronos) - Un uomo di 60 anni e' morto oggi in tarda mattinata in un incidente durante una battuta di caccia in localita' Pompagnano, vicino Spoleto (Perugia). L'uomo, originario di San Giacomo di Spoleto, secondo la prima ricostruzione, sarebbe stato raggiunto da un colpo di fucile. La dinamica esatta dell'incidente e' ancora al vaglio degli inquirenti. Presenti sul posto i vigili del fuoco di Spoleto e personale Saf che sta procedendo al recupero del corpo. In ausilio anche un elicottero dei vigili del fuoco da Roma.

Fonte:http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cronaca/Caccia-ucciso-da-colpo-di-fucile-durante-battuta-cacciatore-nello-spoletino_311204843408.html

+

Aggiornamento Tragico incidente di caccia: perde la vita pensionato di San Giacomo. Si chiama Paolo Luna. L'uomo è rimasto cosciente per quasi un'ora. Del Ternano il compagno di battuta che ha sparato

Fonte:http://www.spoletonline.com/index.php?page=articolo&id=133436++


  • 06.11.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO - TERNI – UMBRIA

Sventata tragedia in una battuta di caccia: ferito un uomo

Lo sparo sarebbe partito da un altro cacciatore con il quale l'uomo era impegnato in una battuta di caccia

Terni, 6 novembre 2010 - Nei boschi di Sugano, nei pressi di Orvieto, un cacciatore è rimasto ferito da un colpo di fucile, forse a causa di una deviazione accidentale del colpo.

L'uomo è stato trasportato in ospedale in condizioni che non sarebbero comunque particolarmente gravi.

Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, lo sparo sarebbe partito da un altro cacciatore con il quale l'uomo era impegnato in una battuta di caccia.

Fonte:http://www.lanazione.it/umbria/cronaca/2010/11/06/410764-sventata_tragedia.shtml


  • 07.11.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – MASSA CARRARA – TOSCANA – muniz.spezzata - elisoccorso

Carabiniere ferito all'occhio da cugino in battuta di caccia. E' accaduto in Lunigiana, l'uomo trasferito a Pisa in elicottero

(ANSA) - AULLA (MASSA CARRARA), 7 NOV - Un carabiniere di 42 anni e' stato ferito al volto da una fucilata sparata accidentalmente dal cugino durante una battuta di caccia al fagiano ed e' stato trasportato in elicottero all'ospedale Santa Chiara di Pisa: rischia di perdere un occhio. L'incidente di caccia e' accaduto stamani nei boschi di Bigliolo, una frazione del comune di Aulla (Massa Carrara) in Lunigiana. (ANSA).

Fonte:http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/toscana/2010/11/07/visualizza_new.html_1703937175.html


  • 07.11.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – SASSARI – SARDEGNA – muniz.unica

(...) Il 6 novembre, alla vigilia dell’apertura della caccia grossa, un nuovo ferito, leggero, Giovanni Solinas, quarantacinquenne allevatore di Bono, mentre provava il fucile nelle campagne di Esporlatu (SS).

da La Nuova Sardegna, 7 novembre 2010 Incidente nelle campagne, ma ai carabinieri è stato segnalato come un tentato omicidio. Colpito mentre prova il fucile per la caccia. Esporlatu: il ferito è un allevatore di Bono,

DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

.

con lui c’erano il fratello e un amico. I testimoni: proiettile rimbalzato su una roccia durante la preparazione delle armi per oggi.

ESPORLATU. Ferito di striscio a un fianco da una pallottola di rimbalzo durante i preparativi per la prima giornata di caccia grossa. Giovanni Solinas, 45 anni, un allevatore di Bono, ha sparato tre fucilate in aria per provare l’arma che era rimasta appesa per lungo tempo alla parete sopra il camino della casa di campagna di «Puttos», nel territorio di Esporlatu. Con lui c’erano anche il fratello e un amico, tutti indaffaratissimi nei preparativi. Al terzo sparo, Giovanni Solinas ha sentito un colpetto su un fianco e, pensando che il fratello e l’amico gli avessero tirato una pietra, si è girato verso di loro per redarguirli bonariamente. Poi ha continuato a preparare l’occorrente per la battuta di caccia di oggi. Mentre era inchinato per sistemare uno zaino, ha notato sui pantaloni e sulla camicia alcune macchie scure. Si è toccato il fianco dove poco prima aveva sentito la lieve fitta di dolore e la mano si è riempita di sangue, a quel punto si è fatto controllare dagli amici e quando ha capito che era stato colpito da un proiettile è andato immediatamente all’ospedale di Nuoro. Qui i medici l’hanno medicato e dimesso con una prognosi di pochi giorni che non dovrebbe comunque impedirgli di partecipare alla tanto agognata giornata odierna di apertura di caccia grossa. L’episodio è stato immediatamente segnalato ai carabinieri della compagnia di Bono sotto forma di tentato omicidio. Il capitano Giampiero Lampis ha immediatamente avviato le indagini e disposto minuziosi accertamenti per scoprire che cosa fosse successo, non escludendo che si trattasse di un incidente durante una battuta di frodo, così ha inviato a Esporlatu una pattuglia per sentire quanti si trovavano nella campagna di «Puttos» e in breve tempo la questione è stata chiarita nei minimi dettagli, scongiurando così l’iniziale e preoccupante ipotesi di tentato omicidio. Giovanni Solinas, allevatore molto conosciuto, grande appassionato di caccia e anche componente della compagnia barracellare, insieme al fratello e a un amico stava provando i fucili all’interno del suo terreno. Spari in aria giusto per constatare l’efficenza delle armi anche se ieri era vietato l’uso di armi. Tutti colpi a palla. All’improvviso, uno dei proiettili sarebbe andato a infragersi contro un costone roccioso a poca distanza dal luogo scelto per le prove e, dopo aver rimbalzato su un’altra roccia, è tornato indietro sfiorando il fianco del cacciatore. Che non si è reso conto di quel che era accaduto fino a quando non ha notato il sangue sulla camicia e i pantaloni. (r.a.)

Fonte:http://gruppodinterventogiuridico.blog.tiscali.it/2010/11/07/ancora-incidenti-di-caccia-in-sardegna/


  • 07.11.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – NUORO – SARDEGNA - elisoccorso

Oggi, 7 novembre, un altro ferito: Paolo Fois, cacciatore quarantacinquenne di Bultei (NU), colpito al torace da una fucilata e trasportato in gravi condizioni all’Ospedale San Francesco di Nuoro.

da L’Unione Sarda on line, 7 novembre 2010

Parte un colpo, fucilata al torace. Grave un cacciatore di Bultei.

Un incidente di caccia a Bultei. Un uomo di 45 anni è stato trasportato in gravi condizioni all’ospedale San Francesco di Nuoro. Decisivo l’intervento dei vigili del fuoco. Un cacciatore di Bultei, Paolo Fois di 45 anni, è stato ricoverato con prognosi riservata all’Ospedale San Francesco di Nuoro con una ferita al torace. Durante una battuta nelle campagne del paese l’uomo è stato raggiunto da una fucilata al petto. Difficile mettere a fuoco l’incidente: forse si è slacciata la cinghia del fucile facendo partire un colpo che ha ferito l’uomo al torace. Sul posto è arrivato l’elicottero dei Vigili del fuoco che hanno soccorso il ferito insieme con i medici del 118 che hanno disposto il suo trasferimento nel presidio ospedaliero nuorese. Fois è sotto controllo e le sue condizioni sono monitorate dai medici della rianimazione. Sull’incidente di caccia stanno indagando i Carabinieri della Compagnia di Bono.

http://gruppodinterventogiuridico.blog.tiscali.it/2010/11/07/ancora-incidenti-di-caccia-in-sardegna/

+da La Nuova Sardegna, 8 novembre 2010

Via alla caccia grossa, a Bultei primo ferito. Allevatore cade, dal fucile parte un colpo: è grave. Non ha porto d’armi, denunciato. (Francesco Bellu) BULTEI. A caccia senza porto d’armi si è ferito col suo Tfc calibro 12 sovrapposto. Paolo Mario Fois, 45 anni allevatore di Bultei, il primo giorno di caccia al cinghiale è incappato

in guai seri: ora si ritrova in ospedale ma su lui pesa una denuncia per porto illegale d’arma e quindi avrà problemi con la legge. A tradirlo è stata la passione per la caccia e il desiderio di non mancare a un


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

appuntamento per molti irrinunciabile.

In casa poi i carabinieri hanno trovato un arsenale, tra le armi regolarmente denunciate anche un calibro 16. Tutto ha inizio ieri mattina quando decide di andare con i suoi amici a caccia in “su monte”, appena sopra Bultei.

La giornata è vissuta da tutti con emozione: l’apertura di sa cazza russa nei piccoli paesi vale quanto l’apertura di un campionato di calcio e le varie compagnie si “sfideranno” sino a gennaio, fino all’ultima giornata, per vedere chi riuscirà a portare a casa il maggior numero di cinghiali abbattuti.

Malgrado non abbia il porto d’armi Paolo Fois decide di aggregarsi con il fucile caricato a palla.

Ma commette l’imprudenza di tenerlo a tracolla con il colpo in canna e senza la sicura. Così mentre sta camminando dietro i suoi compagni scivola per terra e parte all’improvviso il colpo che gli trapassa la scapola da parte a parte. Colpa dell’erba umida di una mattinata autunnale, colpa di un piede messo male, ancora non è dato sapere di preciso come Paolo Fois sia inciampato. Così come è ancora da definire nei dettagli come sia partito il colpo. Forse nella caduta l’uomo ha toccato senza rendersene conto il grilletto, o è partito una volta che il fucile è caduto pesantemente a terra. Fatto sta che l’imprudenza di lasciare l’arma senza la sicura ha messo nei pasticci l’uomo.

Sono stati i suoi amici, dopo l’incidente, ad avvisare subito il 118 e i carabinieri della stazione di Bultei e del comando di Bono. Ma la zona in cui è avvenuto l’incidente è così impervia da rendere impossibile il passaggio dell’ambulanza, tanto che è stato necessario aspettare l’elicottero dei vigili del fuoco di Sassari che ha trasportato Fois all’Ospedale San Francesco di Nuoro, dove ora è ricoverato con una prognosi ancora da sciogliere anche se nessun organo vitale è stato lesionato.

Ma per l’uomo i guai non finiscono qui. Una volta uscito dall’ospedale dovrà infatti rispondere di porto illegale d’arma da fuoco. Una passione, quella delle armi, che già in passato aveva creato problemi seri a Paolo Fois, tanto da essere una persona ben conosciuta dalle forze dell’ordine.

Le armi trovate in casa dopo l’incidente, sono state messe sotto sequestro dai carabinieri.

Fonte:http://gruppodinterventogiuridico.blog.tiscali.it/2010/11/07/ancora-incidenti-di-caccia-in-sardegna/


  • 11.11.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB. VENATORIO – BERGAMO - LOMBARDIA

Il fucile spara e cacciatore si ferisce ad un braccio

L'uomo, un 70enne di Capizzone, si trovava in un bosco di Strozza per una battuta di caccia quando, improvvisamente, un colpo improvviso accidentale gli ha procurato un taglio ad un braccio

Strozza, 11 novembre 2010 - Pericolo scampato per un cacciatore 70enne di Capizzone che, nella mattinata di lunede 11 novembre, ha perso il controllo del suo fucile ferendosi gravemente ad un braccio. Il cacciatore si trovava nel suo capanno di Strozza, paese dove gestisce anche un negozio.

Si stava preparando ad una giornata di caccia quando, improvvisamente, un colpo c esploso dalla sua arma conficcandosi nell'avambraccio. In un primo istante, nemmeno lui c riuscito a spiegarsi come fosse successo, ma dopo lo choc c riuscito ad allertare i soccorritori del 118 con il cellulare.

I medici e gli infermieri lo hanno poi trasportato agli Ospedali Riunit di Bergamo dove si trova sotto osservazione. Del caso si sono occupati i carabinieri di Zogno.

Fonte:http://www.ilgiorno.it/bergamo/cronaca/2010/11/11/413126-fucile_spara_cacciatore_ferisce_braccio.shtml

  • 13.11.2010

*§1 FERITO GENTE COMUNE (MINORE accompagnatore) – AMB.VENATORIO – BERGAMO - LOMBARDIA

Sparo accidentale di un cacciatore - Ferito 17enne ad Almenno S. B.

Un giovane è rimasto ferito da un colpo di fucile sparato accidentalmente da un amico cacciatore. E' successo sabato 13 novembre attorno alle 10,30 in una zona boschiva di Almenno San Bartolomeo, nelle vicinanze di via della Vena. Il 17enne di Berbenno è stato portato in ambulanza all'ospedale di Ponte San Pietro, dove gli è stata riscontrata una ferita a una gamba. Le sue condizioni non sono gravi. Se la caverà in


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

20 giorni In mattinata un 28 anni residente in paese stava andando a caccia accompagnato da un amico di 17 anni, fratello della sua fidanzata. Ad un certo punto i due stavano camminando in fila indiana: davanti il cacciatore, dietro il ragazzino. Il 28enne è caduto all'indietro perdendo il fucile che finito a terra ha esploso accidentalmente un colpo investendo il ragazzino ad una gamba.

Subito soccorso da un'ambulanza della Croce Rossa, il 17enne è stato portato in ospedale. Sul luogo dell'accaduto sono giunti i carabinieri di Almenno San Salvatore per gli accertamenti di legge.

Il 28enne è stato denunciato per porto abusivo d'armi. Pur avendo la licenza di caccia, il fucile non gli apparteneva. Denunciato anche lo zio del 28enne, proprietario del fucile, per mancata custodia dell'arma.

Fonte:http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/341592/


  • 13.11.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB. VENATORIO – LUCCA – TOSCANA – Muniz.spezzata

PIAZZA AL SERCHIO - Un uomo di 47 anni, L.A. le iniziali, e' rimasto ferito gravemente ad un occhio mentre si trovava a caccia nei boschi. Secondo una prima ricostruzione, all'uomo sarebbe partito un colpo accidentale dal fucile mentre si stava chinando. I pallini sparati dall'arma gli hanno colpito un occhio, sfiorandogli anche la tempia. A dare l'allarme e' stato un amico che si trovava a caccia con lui. L'uomo e' stato trasportato d'urgenza con l'elicottero all'ospedale Santa Chiara di Pisa. Fonte: http://www.noitv.it/notizie/2010/

  • 14.11.2010

1 MORTO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – ASCOLI PICENO - MARCHE

Incidente di caccia: parte

un colpo, morto dissanguato

La vittima, 45 anni, raggiunta alla coscia dal colpo partito dal compagno di battuta. Quest'ultimo ha chiamato i soccorsi ma per il ferito non c'è stato nulla da fare

FERMO, 14 NOVEMBRE 2010 - Si è trasformata in tragedia una battuta di caccia, oggi pomeriggio nei pressi di Monterubbiano (Fermo).

Un uomo 45 anni e’ morto in un incidente di caccia avvenuto oggi nei pressi di Monterubbiano (Fermo). Gabriele Scartozzi, 45 anni, è morto dissanguato dopo essere stato raggiunto alla coscia da un colpo di fucile sparato da un altro cacciatore.

E’ stato appunto quest'ultimo, un uomo di 70 anni di Lapedona, a dare l’allarme e a chiamare i soccorsi. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, i vigili del fuoco e il 118.

Fonte:http://www.ilrestodelcarlino.it/fermo/cronaca/2010/11/14/414398-incidente_caccia_parte.shtml

  • 15.11.2010

*1 MORTO GENTE COMUNE (FUNGHI) – AMB.VENATORIO – AREZZO – TOSCANA

Tragedia a San Fabiano: 47enne ucciso da cacciatore

Ad Arezzo battuta di caccia finisce nel sangue. Un aretino di 47 anni, Giampaolo Piomboni, sposato e con due figli, è rimasto ucciso nei boschi tra San Fabiano e San Polo, in località Poggio Mendico.

La tragedia è accaduta questa mattina poco prima delle 8. L’uomo, nel bosco alla ricerca di funghi, è stato raggiunto da un colpo di fucile da caccia. È stato proprio il cacciatore dopo aver premuto il grilletto ad accorgersi di aver colpito per errore un uomo.

Immediatamente ha allertato i soccorsi telefonando al 118. Sul posto sono intervenuti i medici ai quali non è rimasto far altro che constatare il decesso. Inutili i tentativi di rianimazione. Tra la fitta vegetazione si sono fatti largo i vigili del Fuoco aretini con le campagnole. Gli specialisti della squadra speleo alpino fluviale hanno recuperato dalla zona impervia, il corpo esanime.

Sul luogo della tragedia anche le pattuglie di Polizia e Carabinieri. Gli inquirenti adesso sono al lavoro per accertare l’esatta dinamica della tragedia.Il cacciatore, un 41enne aretino, è stato denunciato per omicidio colposo.

DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

La tragedia ha sconvolto la comunità aretina e sulla disgrazia è intervenuto il Ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla, esprimendo profondo cordoglio ai familiari della vittima. "Le posizioni politiche e personali che ho assunto contro la caccia - afferma il ministro in una nota -, facendomi interprete del sentimento della maggioranza degli italiani, mi avranno anche procurato l'avvertimento dell'altro ieri da parte di chi vuole negare il diritto d'opinione e passare dal civile confronto all'intimidazione".

"Non è possibile - sottolinea la Brambilla - perdere la vita impallinati mentre si va la domenica mattina a cercare funghi, solo per compiacere i cacciatori e chi li sostiene, una minoranza della popolazione italiana, mantenendo in vita norme e privilegi assolutamente anacronistici".

Fonte:http://www.arezzonotizie.it/attualita/cronaca/55680-tragedia-a-san-fabiano-47enne-ucciso-da-cacciatore


  • 15.11.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – SAVONA – LIGURIA

Incidente di caccia: è ancora grave il 48enne che si è sparato su un piede. Incidente di caccia ieri sulle alture di Mioglia, in provincia di Savona. Il cacciatore, un uomo di 48 anni, si è ferito sparandosi accidentamente un colpo alla caviglia. Le gravi lesioni al piede e la consistente perdita di sangue hanno reso necessario il trasferimento dell'uomo in codice rosso al pronto soccorso dell'ospedale Santa Corona di Pietra Ligure. Fonte:http://www.primocanale.it/news.php?id=79505

  • 16.11.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – GROSSETO – TOSCANA – muniz.unica

Ferisce lo zio a caccia L’uomo, 62 anni, preso con un colpo di rimbalzo

Il dramma nel bosco di Batignano, poi la corsa in ospedale. Indaga la procura

GROSSETO. Un colpo di rimbalzo, una traiettoria beffarda nel bosco di Batignano. Finisce in dramma una battuta di caccia al cinghiale in famiglia, con lo zio ferito e il nipote in piedi con il fucile in mano. Fausto C., 62 anni grossetano, è ricoverato da sabato mattina nel raparto di Ortopedia dell’ospedale Misericordia con una profonda ferita alla coscia sinistra.

Adesso toccherà alla Procura di Grosseto, che ieri ha ricevuto il fascicolo, aprire un’inchiesta per verificare quello che è successo intorno alle 9.30 quando lo zio e il nipote erano insieme nel bosco.

Per il momento, l’unica certezza è che il ferito si è presentato al pronto soccorso del Misericordia intorno alle 11 con una ferita da arma da fuoco. «Eravamo a caccia - ha raccontato ai medici che lo hanno soccorso - quando un colpo è rimbalzato e mi ha ferito». Sarebbe stato lo stesso sessantaduenne a indicare il nipote come lo sfortunato protagonista dello sparo che lo ha colpito.

Dopo l’incidende, insieme, sarebbero usciti dal bosco e e raggiunto la macchina a bordo della quale sono arrivati al pronto soccorso. L’uomo è stato operato lo stesso giorno e poi trasferito nel reparto di Ortopedia. «Ha una prognosi di venticinque giorni», spiegano i medici.

L’ipotesi di reato con cui verosimilmente sarà aperto il fascicolo è quella di lesioni colpose. Gli inquirenti probabilmente ascolteranno sia il ferito che colui che avrebbe premuto il grilletto del fucile. E non è escluso che nei prossimi giorni effettuino un sopralluogo nella zona dell’incidente e dispongano anche una perizia sul fucile del giovane.

Solo così, gli investigatori potranno ricostruire con una certa sicurezza quello che è successo sabato mattina nel bosco di Batignano quando una battuta di caccia si è trasformata in un dramma familiare.

Solo tre giorni prima, pochi chilometri più a nord, si era consumata la tragedia di Mirko Bartolini morto a caccia per un problema al cuore davanti agli occhi del padre lungo la strada che costeggia il bosco di Piantavarne. «Mi sento male, aiutatemi», sono state le sue ultime parole prima di accasciarsi al suolo.

Cinquanta minuti non sono bastati ai sanitari per far ripartire il suo cuore ferito. Bartolini, conosciutissimo a Campagnatico dove faceva il macellaio, è stato tumulato nel cimitero dell’Arcille dopo il funerale che si è tenuto sabato, solo poche ore dopo il dramma nel bosco di Batignano che adesso gli inquirenti dovranno cercare di ricostruire.

Fonte:http://www.provincia.grosseto.it/rassegna/text.php?text=t211257&trova=ferito&tc=1&sms_ss=email&at_xt


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

  • 18.11.2010

*1 FERITO GENTE COMUNE(agricoltore) – AMB.VENATORIO- TREVISO – VENETO –muniz.spezzata

TREVISO (18 novembre) - Un cacciatore di 70 anni residente nel Trevigiano è stato denunciato dai carabinieri per aver ucciso con un colpo di fucile il suo cane, "colpevole" di non aver obbedito ad un richiamo. La stessa rosa di pallini esplosa dall'arma da caccia ha ferito anche un agricoltore che si trovava poco lontano, che ha segnalato l'episodio ai militari. All'anziano sono stati sequestrati vari altri fucili da caccia, regolarmente detenuti, in base ad una licenza che di fronte a quanto accaduto rischia di essere revocata.

Fonte: http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=127270&sez=NORDEST



  • 20.11.2010

1 MORTO CACCIATORE AMB.VENATORIO - PERUGIA – UMBRIA – Muniz. unica

Perugia Scambiato per un cinghiale Ucciso un cacciatore

E' successo a Foligno. Il cacciatore ucciso con un colpo al torace era un cinquantenne della zona

Valtopina (Perugia), 20 novembre 2010 - Ancora una tragedia durante una battuta di caccia. Un cacciatore è morto oggi pomeriggio a Foligno in seguito ad un incidente di caccia.

La vittima aveva poco piu' di 50 anni ed era del posto. L'incidente e' avvenuto durante una battuta di caccia al cinghiale.

In base alle prime informazioni, l'uomo e' stato colpito al torace da un colpo di fucile esploso da un compagno di caccia che lo avrebbe scambiato per un cinghiale.

Gli accertamenti vengono svolti dai carabinieri. Sul posto anche i vigili del fuoco. I soccorritori si trovano ancora sul posto per recuperare il corpo.

Fonte:http://www.lanazione.it/cronaca/2010/11/20/417659-perugia.shtml



  • 21.11.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - BELLUNO - VENETO - ELISOCCORSO

Caccia:ferito cacciatore, un mese fa uccise compagno battuta. Era con figlio vittima, aveva assistito anche a primo incidente

(ANSA) - BELLUNO, 21 NOV - Un cacciatore che un mese fa uccise per sbaglio un amico durante una battuta e' rimasto gravemente ferito in un incidente analogo. Anche questo secondo incidente e' avvenuto nell'Alto Comelico. Il ferito e' Fabio De Lorenzo, 44 anni, che e' stato raggiunto da un colpo di fucile ed e' ricoverato in rianimazione all'ospedale di Belluno. Un mese fa aveva ucciso per errore l'amico Renzo Alfare' Lovo, 50 anni. Al tragico incidente aveva assistito il figlio della vittima, che era con De Lorenzo anche oggi insieme ad un altro parente stretto di Lovo e ad un quarto amico. I carabinieri di Cortina, che stanno indagando per omicidio colposo, li hanno gia' ascoltati e attendono che De Lorenzo si risvegli per sentire la sua versione dei fatti.(ANSA).

Fonte:http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/veneto/2010/11/21/visualizza_new.html_1698395957.html

+ Belluno, 20 nov. - (Adnkronos) - Incidente di caccia in Comelico, nel bellunese, questo pomeriggio. Lo riferisce il Soccorso Alpino e Speleologico Veneto spiegando che l'allarme e' scattato verso le 16 per un cacciatore ferito da arma da fuoco mentre si trovava su Pian de la Mola.

Da una prima ricostruzione, sembra che l'uomo, quando e' rimasto ferito, si trovasse con altre due persone. Sul posto e' stata inviata l'eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore e una squadra del Soccorso alpino della Val Comelico, in caso l'elicottero non fosse riuscito a portare a termine l'intervento per le condizioni del tempo. Il cacciatore, cosciente, e' stato imbarellato e recuperato dal tecnico del Soccorso alpino di turno con l'equipaggio utilizzando un verricello, per essere trasportato all'ospedale di Pieve. Indagini sono in corso per chiarire la dinamica dell'accaduto.

Fonte:http://www.libero-news.it/articolo.jsp?id=536154


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

  • 21.11.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – CAGLIARI – SARDEGNA – muniz. unica

Caccia/ Incidente in Sardegna, 45enne colpito a occhio e gamba

Incidente di caccia stamattina alle 10 a Villacidro: P.I., 45 anni, è stato ferito all'occhio sinistro e alla gamba sinistra da un colpo di arma da fuoco durante una battuta di caccia grossa. L'uomo è stato prima portato all'ospedale di San Gavino e attualmente si trova al San Giovanni di Dio

Fonte:http://notizie.virgilio.it/notizie/cronaca/2010/11_novembre/21/caccia_incidente_in_sardegna_45enne_colpito_a_occhio_e_gamba,27109949.html



  • 24.11.2010

1 MORTO CACCIATORE AMB.VENATORIO - MESSINA - SICILIA - muniz. unica - ELISOCCORSO

Incidente di caccia, muore un uomo nel Messinese

Salvatore Finocchio, 58 anni, è rimasto ucciso da un colpo partito dal proprio fucile calibro 12 durante una battuta al cinghiale nelle campagne di Casalvecchio Siculo

MESSINA. Un imprenditore, Salvatore Finocchio, 58 anni, sposato e padre di quattro figli, è rimasto ucciso da un colpo partito dal proprio fucile calibro 12 mentre faceva una battuta di caccia al cinghiale nelle campagne di Casalvecchio Siculo. Inutili i soccorsi e il tentativo di portarlo in ospedale con un elicottero.

Fonte:http://www.gds.it/gds/sezioni/cronache/dettaglio/articolo/gdsid/136700/



  • 25.11.2010

1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO – MANTOVA – LOMBARDIA – Muniz.spezzata

Cacciatore ferito dal suo fucile. "E' stato il cane a premere il grilletto"

Un cacciatore, cadendo per colpa dei suoi cani, ha esploso un colpo di fucile che gli ha ferito gravemente il piede. Questa la ricostruzione dei carabinieri. Diversa, e incredibile, la versione fornita dall'uomo ai medici: il colpo è partito perché il cane ha premuto il grilletto con la zampa

GONZAGA. Un cacciatore, cadendo per colpa dei suoi cani, ha esploso un colpo di fucile che gli ha ferito gravemente il piede sinistro. È successo a Palidano di Gonzaga. Questa la ricostruzione dei carabinieri.

Ciò che l'uomo, ancora sotto shock, ha raccontato invece ai medici ha dell'incredibile: uno dei cani con la zampa avrebbe urtato il grilletto del fucile, lasciato a terra, facendo partire il colpo che gli ha provocato gravi ferite al piede che hanno richiesto un intervento chirurgico.

R.G. di buon mattino era partito con i suoi tre cani per una battuta di caccia alla lepre. Ha con sé un fucile Beretta e tiene gli animali al guinzaglio. D'un tratto gli animali cominciano ad agitarsi, a tirare e a strattonare. Motivo di tanta eccitazione è rappresentato da una nutria rinchiusa in una gabbia.

Il cacciatore cerca di trattenerli ma non è facile. Agitatandosi, attorcigliano con i loro guinzagli le gambe del cacciatore che perde l'equilibrio e che, per evitare la caduta, con tutta probabilità, cerca di attaccarsi al fucile dal quale parte accidentalmente il colpo. Ai medici il cacciatore, ancora sotto shock, racconta una versione diversa: è stato il cane a premere con la zampa il grilletto del mio Beretta.

Fonte:http://gazzettadimantova.gelocal.it/cronaca/2010/11/25/news/cacciatore-ferito-dal-suo-fucile-e-stato-il-cane-a-premere-il-grilletto-2817621


  • 25.11.2010

1 MORTO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – TERNI – UMBRIA – muniz.unica

INCIDENTE CACCIA, UCCISO CACCIATORE SCAMBIATO PER CINGHIALE.

Dramma nel Narnese. Ucciso 54enne. Indagini ai Carabinieri di Amelia. E' il terzo caso in 3 settimane

Terni - Ennesima vittima durante una battuta di caccia al cinghiale, la terza nel giro di 3 settimane in Umbria dopo gli incidenti verificatisi nello spoletino e nel folignate. A perdere la vita, con un colpo in pieno petto, è stato un 54enne di San Vito in località Gaudamello nei pressi di Narni. Il colpo mortale sparato da un collega durante la battuta di caccia. Inutili i soccorsi subito portati al ferito. Ancora sconosciuti i particolari e le dinamiche della vicenda sulla quale indagando i Carabinieri di Amelia. L'arma è stata già sequestrata e il compagno di battuta indagato a piede libero per omicidio colposo.


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

Questo nuovo dramma della caccia al cinghiale riapre il dibattito sulla necessità di rivedere le regole per le squadre venatorie che partecipano a questa attività. A quanto si registra le istituzioni preposte non possono più permettersi di perdere ulteriore tempo.

Fonte: http://www.tuttoggi.info/articolo-27345.php


  • 28.11.2010

1 MORTO CACCIATORE- AMB.VENATORIO - TREVISO - VENETO

Treviso. Colpo a una gamba, cacciatore muore dissanguato a Vittorio Veneto

Il colpo fatale sarebbe partito dal suo fucile

TREVISO (28 novembre) - Un anziano cacciatore, R.C., di Vittorio Veneto (Treviso), è stato trovato morto dissanguato nei boschi sopra la sorgente del Meschio dalle squadre del soccorso alpino e dei vigili del fuoco che lo stavano cercando da ieri pomeriggio, dopo che la famiglia ne aveva denunciato la scomparsa. L'uomo aveva una ferita ad una gamba provocata pare dal suo stesso fucile da caccia. Sul posto anche i carabinieri che ritengono, sulla base di un primo esame, l'uomo sia morto a causa di un colpo fortuito partito dal suo fucile.

Il cacciatore si era allontanato ieri assieme al suo cane per una battuta nella zona delle sorgenti del Meschio, che abitualmente frequentava. Lì, infatti, i soccorritori hanno trovato la sua auto. In tarda serata poi la scoperta del corpo senza vita del cacciatore in località Forcal.

Fonte: http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=128468&sez=NORDEST#



  • 28.11.2010

1 FERITO CACCIATORE- AMB.VENATORIO – CAGLIARI – SARDEGNA – Muniz.spezzata

Cade, parte un colpo dal fucile: impallinato un cacciatore di Talana Un cacciatore in Ogliastra

Primo incidente di caccia nelle campagne ogliastrine, fortunatamente senza gravi conseguenze. Adriano Loi , 41 anni, di Talana, è stato raggiunto da una scarica di pallini partita accidentalmente dal suo fucile.

Ricoverato all'ospedale di Lanusei è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. I medici gli hanno estratto un piccolo proiettile dal rene, ma Loi non è in pericolo di vita. Il fatto è successo stamane nelle campagne di Talana. Intorno alle 14, il cacciatore, operaio forestale ed ex assessore comunale, è scivolato finendo a terra. Nella caduta, dal fucile è partito il colpo che lo ha raggiunto al braccio e al fianco sinistro. Immediatamente soccorso dai compagni di battuta e da un'équipe del 118, il cacciatore è stato accompagnato in ospedale. Dopo le prime cure al pronto soccorso il paziente è stato trasferito nel reparto di chirurgia dove è stato sottoposto a un intervento.

Fonte:http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/204873



DICEMBRE 2010


  • 04.12. 2010

1 MORTO CACCIATORE- AMB.VENATORIO – REGGIO C. - CALABRIA

A Laureana di Borello incidente di caccia,un morto

– Un incidente di caccia si è verificato nelle campagne di Laureana di Borrello; un uomo, Giovanni Campicelli, di 65 anni, di Reggio, è stato colpito da un colpo sparato accidentalmente dal suo stesso fucile ed è morto. Ancora incerte le cause che hanno determinato il colpo accidentale, se lo sparo sia avvenuto per un malore o altri motivi. Il colpo ha colpito lì’uomo allo zigomo destro, dal basso verso l’alto, uccidendolo all’istante.

Il corpo dell’uomo ormai privo di vita è stato scoperto da uno dei due amici con cui era andato a caccia, che ha subito dato l’allarme.

Sull’episodio stanno indagando quindi i carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, coordinati dal pubblico ministero di turno alla Procura di Palmi, Francesco Frettoni.

Annamaria Mazzacuva Fonte: http://www.reggiotv.it/news.php?id=17515



DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

  • 06.12.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – GROSSETO – TOSCANA –Muniz.spezzata

Spara e ferisce il compagno di caccia

Il colpo è partito dal fucile che era rimasto inceppato

PAGANICO. Poteva trasformarsi in una tragedia, la battuta di caccia di tre senesi che ieri erano nella macchia di Banditaccia a Paganico. Con i fucili puntati verso il cielo, a caccia di uccelli, all'improvviso ad uno dei tre uomini è partito un colpo che ha ferito il suo compagno. L'ennesimo incidente di caccia in Maremma. La stagione è partita da poco più di un mese ma all'ospedale Misericordia di ferite da arma da fuoco durante le battute nei boschi della provincia, ne sono già state medicate diverse. Ferite non gravi, per fortuna. Come quella che i medici hanno dovuto suturare ieri ad un quarantenne. Da Siena infatti, erano partiti in tre per una battuta di caccia in Maremma.

Da poche ore stavano battendo palmo a palmo la zona di Banditaccia per cercare di tornare a casa con il carniere pieno di uccelli. Quando, ad uno dei tre uomini, un senese di 69 anni si è inceppato il fucile, un calibro 20 a pallini. L'uomo ha cercato di sbloccarlo, ma mentre stava tentando di far ripartire il carrello, dalla canna è esploso un colpo che ha preso in pieno, ad un tallone, il suo compagno di caccia, Gianni Petrini, 40 anni. L'allarme è stato dato subito al 118 e l'uomo è stato soccorso da un'ambulanza e accompagnato al pronto soccorso dell'ospedale Misericordia di Grosseto, dove ora è ricoverato nel reparto di Ortopedia. Ne avrà per un mesetto. A Banditaccia sono arrivati subito anche i carabinieri della stazione di Civitella Marittima che hanno sequestrato il fucile dal quale è partito il colpo ed hanno denunciato il cacciatore per lesioni colpose. Qualora dovesse emergere che quel colpo è partito perchè l'uomo ha fatto un uso incauto del suo fucile, i militari non potranno fare altro che sospendere il porto d'armi al cacciatore. F.G.

Fonte:http://iltirreno.gelocal.it/grosseto/cronaca/2010/12/06/news/spara-e-ferisce-il-compagno-di-caccia-2907965


  • 09.12.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – MESSINA – SICILIA

Francavilla. 27enne ferito accidentalmente durante una battuta di caccia

FRANCAVILLA - I carabinieri della Stazione di Francavilla di Sicilia sono intervenuti in una contrada di campagna dove un giovane 27enne era stato ferito da un colpo di arma da fuoco esploso accidentalmente nel corso di una battuta di caccia da un altro cacciatore.

Giunti sul posto, i carabinieri hanno effettuato preliminari accertamenti utili per il proseguo delle indagini.

Il giovane, che nella circostanza del ferimento, come detto, è stato colpito verosimilmente da una scheggia di piombo appartenente al proiettile esploso accidentalmente dal fucile cal. 12 di un altro cacciatore, è stato immediatamente soccorso e trasferito presso l’Ospedale Papardo di Messina, dove si trova ricoverato con una prognosi di 30 giorni.

Nella circostanza, il fucile da caccia cal. 12 da cui sarebbe accidentalmente partito il colpo, è stato sottoposto a sequestro.

Fonte: http://www.tele90.it/news/2010/12/09/francavilla-27enne-ferito-accidentalmente-durante-una-battuta-di-caccia/10019/


  • 10.12.2010

1 FERITO CACCIATORE– AMB.VENATORIO – SALERNO – CAMPANIA – Muniz. unica

Ferito mentre caccia di frodo, arrestati i due "compari"

Subito arrestati i responsabili del ferimento di Domenico Colombo, il 22enne di Teggiano rimasto coinvolto in un incidente di caccia mentre si trovava in un terreno boschivo del comune valdianese.

Le immediate indagini hanno consentito ai Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina e della Stazione di Teggiano di arrestare già nella notte G.T., 52enne muratore, e P.C., 30enne coltivatore diretto:

dovranno rispondere dei reati di porto e detenzione abusiva di armi comuni da sparo, con relativo munizionamento, ricettazione ed attività venatoria all'interno del Parco Nazionale del Cilento e Valdiano, dove è preclusa qualsiasi attività di caccia.

I militari hanno accertato che i due (insieme a Colombo, verosimilmente rimasto ferito a seguito di una caduta accidentale) stavano svolgendo una battuta di caccia di frodo al cinghiale e, dopo aver soccorso il compagno, avevano cercato di eludere le investigazioni. Nel corso di una battuta nei boschi dove è avvenuto il fatto, i carabinieri hanno trovato: un fucile tipo doppietta, senza marca e con matricola abrasa, con all'interno due cartucce esplose; un fucile semiautomatico cal. 12, con matricola abrasa, con 4 cartucce a palla; un fucile tipo doppietta, senza marca, cal. 12, con matricola abrasa.


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

Le armi, tutte perfettamente funzionanti (la prima è risultata essere quella che, con tutta probabilità, ha provocato il ferimento di Colombo) sono state sottoposte a sequestro. Domiciliari per i due arrestati.

Fonte: http://www.salernoinprima.it/cronaca/5537-cacciatore-ferito-a-teggiano-subito-arrestati-i-due-responsabili.html



  • 12.12.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – SAVONA – LIGURIA - ELISOCCORSO

Vado, incidente di caccia: 45enne colpito al polpaccio

Vado L. Non è in pericolo di vita il cacciatore rimasto ferito nella tarda mattinata di oggi nei boschi dell’entroterra di Vado Ligure, in località Costalunga. A rimanere ferito nell’incidente di caccia R.B., 45 anni, colpito al polpaccio da un colpo di fucile partito accidentalmente. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della Compagnia di Savona intervenuti sul posto, l’uomo è stato ferito da un altro cacciatore che dopo essere scivolato è caduto facendo partire il colpo, che poteva avere conseguenze ben più gravi.


Immediato l’intervento della Croce Rossa di Vado e dell’automedica del 118. Il 45enne, anche per la forte perdita di sangue, è stato trasportato con l’elicottero dei vigili del fuoco all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure.

Fonte: http://www.ivg.it/2010/12/vado-incidente-di-caccia-45enne-colpito-al-polpaccio



  • 15.12.2010

*1 FERITO GENTE COMUNE (Fungaiolo)– AMB.VENATORIO – GROSSETO – TOSCANA


Spara e ferisce il cercatore di funghi

L'incidente è avvenuto lunedì pomeriggio nel bosco di Sticciano Il cacciatore ai carabinieri: «L'ho scambiato per un animale»


ROCCASTRADA. Il cacciatore ha visto alcuni rami muoversi e ha sparato in mezzo alla macchia, ma dietro al cespuglio non c'era un capriolo né tantomeno un cinghiale, ma un cercatore di funghi girato di schiena. Non è l'ultima sceneggiatura di una puntata del cartone animato con Yoghi e Bubu nella foresta di Yellowstone ma l'incidente avvenuto lunedì pomeriggio nel bosco di Sticciano. L'unica somiglianza con il cartone sta, per fortuna, nell'epilogo: con il cercatore ferito di striscio ad un gluteo e il cacciatore distratto che si presenta dai carabinieri per scusarsi di quell'attimo di sbadataggine.


Anche perché il certificato rilasciato dall'ospedale Misericordia parla di quindici giorni di prognosi per Roberto Cristofarelli, 45 anni di Roccastrada, motivo per cui l'indagine dei carabinieri scatterà solo dopo una querela da parte del cercatore di funghi. «Per il momento - confermano dalla Compagnia di Massa Marittima - non abbiamo ricevuto nessuna denuncia e di conseguenza non abbiamo aperto un fascicolo né tantomeno effettuato sopralluoghi o sequestrato il fucile che ha sparato». È possibile però ricostruire l'incidente con le dichiarazioni che lo stesso ferito ha fatto ai sanitari all'arrivo in ospedale incrociandole con quelle che lo stesso cacciatore ha fornito ieri mattina ai carabinieri.


L'incidente è avvenuto nella tarda mattinata. Pare che il cercatore di funghi fosse da solo nel bosco di Sticciano, mentre il cacciatore fosse con altri compagni per una battuta. Quando in mezzo al bosco il cacciatore ha visto muoversi alcuni rami non ci ha pensato un attimo: ha mirato e ha premuto il grilletto. Della rosa di pallini solo uno avrebbe colpito il quarantacinquenne che in quel momento era di schiena intento a cercare porcini, cucchi e ordinali. Del ferito il gruppo di cacciatori ha sentito l'urlo che ha fatto dopo essere stato colpito. A questo punto sarebbero stati gli stessi predatori a soccorrere il cercatore di funghi per poi portarlo al pronto soccorso del Misericordia. Qui l'uomo è stato medicato e dimesso dopo alcune ore.

Fonte:http://iltirreno.gelocal.it/grosseto/cronaca/2010/12/15/news/spara-e-ferisce-il-cercatore-di-funghi-2964753




DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

  • 15.12.2010

1 FERITO CACCIATORE– AMB.VENATORIO – PISA - TOSCANA - Muniz. Unica

.

MONTESCUDAIO. Sono stati momenti di grande apprensioni quelli vissuti ieri mattina, poco dopo le 10,30, nella macchia tra Montescudaio ed il fiume Cecina. Un banale incidente di caccia ha gelato il sangue del gruppo di doppiette che stava partecipando ad una battuta organizzata nell'area di ripopolamento. Un colpo partito dal fucile che aveva imbracciato ha ferito al fianco destro Marcello Agnoletto, 39 anni. L'arma, fortunatamente, era stata caricata con munizione a salve. Ma il colpo, partito accidentalmente mentre i cacciatori stavano attraversando un'area di fitta macchia, ha comunque provocato un' ampia ferita sul fianco destro del cacciatore che ha immediatamente chiesto aiuto. Così il capo squadra (sul posto c'erano una ventina di doppiette per l'abbattimento programmato dei cinghiali) ha dato l'allarme ed i compagni più vicini hanno prestato i primi soccorsi ad Agnoletto. Per l'ambulanza della Pubblica Assistenza di Cecina non è stato facile raggiungere il luogo dell'incidente (tra le Cardine e le Vignacce nella zona che da Montescudaio degrada verso il fiume). Alla fine l'uomo è stato caricato sulla lettiga e inserito sull'ambulanza dove la dottoressa gli ha praticato le prime cure. Una volta in ospedale è stato ricoverata in chirurgia dove gli è stata suturata la ferita. Le sue condizioni non erano comunque preoccupanti. Sul posto è giunta anche una pattuglia dei carabinieri per i rilievie la ricostruzione dell'incidente. Quello di ieri mattina era uno dei due appuntamenti (si tengono il martedì e il venerdì) di intervento di contenimento in area di ripopolazione. Alla battuta al cinghiale hanno partecipato una ventina di uomini coordinati dal presidente dell'area di popolamento Fabrizio Landi, già assessore comunale. Sulla dinamica dell'incidente pochi dubbi. Sembra che Agnoletto, peraltro molto conosciuto a Montescudaio perché titolare di un forno, sia inciampato durante l'attraversamento della macchia nel momento in cui i cani fiutavano il cinghiale e dal fucile sia partito il colpo che lo ha ferito di striscio. A.R.

Fonte:http://iltirreno.gelocal.it/cecina/cronaca/2010/12/15/news/paura-durante-la-battuta-2972865




  • 19.12.2010

1 FERITO CACCIATORE– AMB.VENATORIO – PIACENZA – EMILIA R. – ELIAMBULANZA

Muniz.unica

Incidente di caccia a Veano,Bresciano ferito ad una gamba

Domenica 19 Dicembre 2010

Un nuovo incidente di caccia stamattina ha visto coinvolto un bresciano a Veano, all'interno della riserva della Stoppa. Il cacciatore, ferito accidentalmente ad una gamba , è stato trasportato in eliambulanza all'ospedale Maggiore di Parma: le sue condizioni non destano particolari preoccupazioni.

Fonte:http://www.piacenzasera.it/portfolio/personalizzazioni/HomePage.asp?id_prodotto=25835&id_categoria=

+

Ventisettene di Rovato ferito durante battuta di caccia

Mentre il gruppo scendeva da un sentiero in discesa, uno dei cacciatori è scivolato e dal suo fucile è partito un colpo. I pallettoni hanno colpito il giovane a una gamba, sfiorando l'arteria femorale causando una forte emoraggia

Vigolzone (PC) - 20 dicembre 2010 - Un ragazzo di 27 anni di Rovato è rimasto ferito da un colpo di fucile sparato accidentalmente durante una battuta di caccia a Veano frazione di Vigolzone, provincia di Piacenza. Il giovane si trovava col padre e altri amici quando, mentre il gruppo scendeva da un sentiero in discesa, uno dei cacciatori è scivolato e dal suo fucile è partito un colpo. L'incidente si è verificato intorno alle 9 del mattino. I pallettoni hanno colpito il giovane a una gamba, sfiorando l'arteria femorale e causando una violenta emoraggia. Il padre del ragazzo è intervenuto in soccorso del figlio stringendo un laccio intorno alla gamba ferita per fermare la fuoriuscita di sangue in attesa dell'autoambulanza. Il 27enne è stato operato all'ospedale Guglielmo da Saliceto di Piacenza. La prognosi è tutt'ora riservata.

Fonte: http://www.ilgiorno.it/brescia/cronaca/2010/12/20/431799-ventisettene.shtml




DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

  • 23.12.2010

1 FERITO CACCIATORE– AMB.VENATORIO – FORLì – EMILIA ROMAGNA – Muniz.unica - ELISOCCORSO

Incidente nell'appennino forlivese vicino a Tredozio. Ferito appassionato di caccia, impegnato in una battuta insieme a una decina di amici

TREDOZIO - Incidente di caccia questa mattina nell'appennino forlivese. Vicino a Tredozio, nei pressi dell'agriturismo podere Pian di Stantino, un cacciatore si è sparato in un piede con un fucile per la caccia al cinghiale, caratterizzato dunque da proiettili calibro 12 o 20. L'infortunio è avvenuto intorno alle 12, e molto difficoltose sono state le operazioni per il soccorso del ferito, un faentino, prima aiutato dai colleghi di caccia, poi consegnato alle cure del personale medico giunto sul posto con l'elicottero decollato da Ravenna.

La battuta di caccia stava avvenendo in un'area privata, una riserva messa disposizione questa mattina ad un gruppo di circa 10 persone, tra cui il cacciatore rimasto ferito. Non si sa ancora come sia stato sparato quel proiettile, certamente partito dall'arma della stessa vittima. La pallottola pare essersi conficcata nel suo piede, causando un grave versamento di sangue e diversi traumi. Il punto in cui è avvenuto l'incidente era lontano dal primo centro abitato, e non poca fatica hanno dovuto fare i suoi amici per portarlo in una zona facilmente raggiungibile dai mezzi di soccorso, ma soprattutto coperta da segnale telefonico. Una volta trovato campo, è partita infatti la chiamata al "118" che ha raggiunto i cacciatori a Pian di Stantino con un'ambulanza da Forlì e l'elicottero decollato da Ravenna.

Nonostante la pericolosità dell'incidente e il ritardo con cui la vittima è stata raggiunta dal personale medico le sue condizioni pare non siano gravi.

Fonte: http://www.romagnanoi.it/News/Romagna/Forli/Cronaca/articoli/263793/Sparo-accidentale-ferito-cacciatore.asp


  • 26.12.2010

1 MORTO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – NUORO - SARDEGNA –Muniz.unica

Tragica battuta al cinghiale - Ucciso cacciatore di Orotelli

Tragedia durante una battuta di caccia al cinghiale questa mattina nelle campagne di Orotelli. A perdere la vita è stato Eligio Frau, 83enne cacciatore che è stato raggiunto per errore da una scarica di pallettoni che gli è stata fatale.

La stagione venatoria miete un'altra vittima. L'ultima croce è per un anziano cacciatore di Orotelli, Eligio Frau, ucciso questa mattina nelle campagne del paese, in località "Sennora Rosa". L'uomo, che avrebbe compito 83 anni il prossimo primo gennaio, durante una battuta di caccia al cinghiale, è stato colpito da una scarica di pallettoni partita dalla doppietta di un compagno di posta. I Carabinieri della Compagnia di Ottana stanno compiendo ancora un sopralluogo sul luogo dell'incidente nel tentativo di ricostruirne la dinamica. Dall'esame della posizione delle poste, sarebbe emerso che all'anziano era sta riservata una delle più "privilegiate" proprio in considerazione della sua età ed esperienza di caccia grossa. A questo punto non è escluso che Frau possa essere stato raggiunto da un colpo rimbalzato su una roccia o esploso accidentalmente dalla sua stessa arma. Solo i controlli disposti dal magistrato di turno potranno chiarire la circostanza.

Fonte: http://www.unionesarda.it/Articoli/Articolo/208075



  • 27.12.2010

*1 FERITO GENTE COMUNE(ragazza funghi)– AMB.VENATORIO – SASSARI – SARDEGNA – Muniz.spezzata

Studentessa ferita da pallini da caccia mentre cerca funghi

L'incidente a Ozieri, colpo partito accidentalmente

(ANSA) - SASSARI, 27 DIC - Una studentessa di Ozieri, Maria Seu, di 22 anni, e' ricoverata nel reparto di chirugia dell'ospedale del paese a causa di una ferita da arma da fuoco al capo per un colpo partito accidentalmente dal fucile di un cacciatore. La giovane, che non e' in pericolo di vita, il giorno di Natale, intorno alle 15, si trovava in localita' Candelas con la sorella per raccogliere funghi. Le due ragazze hanno sentito uno sparo e Maria Seu si e' accorta di essere stata colpita di striscio alla testa ed ha perso i sensi.

Il cacciatore non e' stato ancora identificato.(ANSA).

Fonte:http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/sardegna/2010/12/27/visualizza_new.html_1646643315.html



DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

  • 28.12.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – VITERBO – LAZIO – Muniz.spezzata

Centrato da un colpo di fucile, ferito cacciatore


CALCATA - (M.D.) I carabinieri di Civita Castellana stanno indagando per scoprire chi e perché ha "impallinato" un cacciatore nelle campagne di Calcata. La vittima stava effettuando in solitaria una battuta di caccia quando è stato raggiunto da una scarica di colpi che lo hanno ferito per fortuna in maniera non grave.

Trasportato all'ospedale di Civita Castellana, dove risiede, i medici gli hanno estratto diversi pallini dal corpo. Fortunatamente l’uomo versa in buone condizioni.

Fonte: http://www.ontuscia.it/news.php?extend.53041.1



  • 28.12.2010

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – PERUGIA – UMBRIA – Muniz.unica

Gubbio: aperto fascicolo per incidente caccia

E’ stato aperto un fascicolo presso la procura della repubblica di Perugia per il reato di lesioni colpose gravi per l’incidente di caccia dello scorso 28 dicembre.

E’ stato aperto un fascicolo presso la procura della repubblica di Perugia per il reato di lesioni colpose gravi per l’incidente di caccia dello scorso 28 dicembre in un’azienda agricola al confine tra Gubbio e Scheggia in cui è rimasto coinvolto un cacciatore eugubino nel corso di una battuta di cinghiali. L’uomo è stato colpito alla testa da un frammento di proiettile e operato a Perugia. Le sue condizioni sono in miglioramento ma restano serie. I carabinieri della compagnia di Gubbio, coordinati dal maresciallo Mauro Pascolini, stanno svolgendo le indagini agli ordini del pm Angela Avila. Sembra che in quel momento non ci fossero animali. A curare gli interessi della famiglia dell’uomo è l’avvocato Ubaldo Minelli.

Fonte: http://www.trgmedia.it/n.aspx?id=41052




  • 31.12.2010

1 FERITO GENTE COMUNE MINORE (10 anni a caccia col padre)AMB.VENATORIO - PISA –TOSCANA – Muniz.spezzata


Spara e impallina il figlioletto. Il bambino (10 anni) colpito al torace e al volto

RIPARBELLA. Ha visto muovere qualcosa in un cespuglio e, pensando che fosse un fagiano, ha imbracciato il fucile e ha sparato. Invece di un fagiano ha colpito suo figlio, che stava giocando con un amichetto. Ora il bambino, di dieci anni, è ricoverato a Pisa, all'ospedale di Cisanello. E' ferito lievemente al tronco e al volto: un pallino lo ha raggiunto proprio vicino a un occhio.


E' avvenuto ieri pomeriggio intorno alle tre nelle campagne di Riparbella. Un cacciatore aveva deciso di uscire per una battuta ai fagiani. E aveva portato con sé sia il figlio che un suo amichetto. I due bambini si sono messi a giocare e, a quanto pare, l'uomo li ha persi di vista per qualche momento. Stando a quanto ha poi raccontato ai medici, a un certo punto il cacciatore ha notato davanti a sé qualcosa che si stava muovendo dentro un cespuglio. Pensando che fosse un fagiano, l'uomo ha preso la mira e ha sparato. Quando ha sentito gridare il figlio si è reso conto del grave errore.


Lo ha soccorso subito e, insieme alla moglie, lo ha accompagnato in auto al pronto soccorso dell'ospedale di Cecina. Qui il bambino è stato medicato per le ferite al tronco. Ferite piuttosto lievi, per fortuna. Ma c'era un pallino che lo aveva colpito al volto, proprio accanto a un occhio. Così il piccolo è stato caricato su un'ambulanza della Pubblica assistenza e trasferito al nuovo pronto soccorso di Cisanello. A.d.G.

Fonte: http://iltirreno.gelocal.it/cecina/cronaca/2010/12/31/news/spara-e-impallina-il-figlioletto-3067665




DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

GENNAIO 2011



  • 02.01.2011

1 MORTO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – PALERMO – SICILIA – Muniz.unica

GODRANO: INCIDENTE DI CACCIA, 59ENNE UCCISO DA UNA FUCILATA


Incidente di caccia mortale nel palermitano. La vittima e' Ciro... Incidente di caccia mortale nel palermitano. La vittima e' Ciro Margarese, 59 anni di Godrano. L'uomo e' deceduto l'altro ieri, colpito da una fucilata. La tragedia si e' verificata in localita' Biviere. A colpirlo a morte, durante una battuta di caccia al cinghiale, e' stato un nipote, nei cui confronti e' scattata l'accusa di omicidio colposo. Sulla vicenda e' stato aperto un fascicolo presso la procura di Termini Imerese. Il sindaco di Godrano ha indetto il lutto cittadino.

Fonte: http://www.ennalive.it/ultimora/cronaca/552-godrano-incidente-di-caccia-59enne-ucciso-da-una-fucilata




  • 02.01.2011

2 FERITI CACCIATORI– AMB.VENATORIO – LIVORNO+GROSSETO – TOSCANA - (1)Muniz.unica – 1 ELISOCCORSO

Due cacciatori feriti, uno colpito dallo sparo di un amico. Incidenti durante battute nei boschi di Rosignano e Monterotondo


(ANSA) - FIRENZE, 3 GEN - Due feriti ieri in Toscana durante battute di caccia. Un cacciatore di 60 anni e' ricoverato a Livorno per uno sparo ricevuto nei boschi di Rosignano Marittimo (Livorno): e' stato colpito ad un fianco da un compagno di battuta al cinghiale. E' in prognosi riservata ma non in pericolo di vita. Il colpo gli ha causato lesioni alla milza e un'emorragia. L'altro ferito e' un cacciatore di 46 anni di Piombino che, cadendo nei boschi di Monterotondo (Grosseto), si e' sparato accidentalmente all'addome. Non e' in pericolo di vita.(ANSA).

http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/toscana/2011/01/03/visualizza_new.html_1644856756.html

+

Inciampa e si ferisce durante battuta di caccia

Un uomo di 46 anni di Piombino è caduto mentre stava cacciando nei boschi di Monterotondo Marittimo (Grosseto) e si è sparato accidentalmente all'addome.

Il cacciatore non sarebbe in pericolo di vita ma è comunque intervenuto l'elicottero Pegaso che ha trasportato l'uomo all'ospedale della Misericordia di Grosseto dove è stato ricoverato.

http://www.radiotoscana.it/news.asp?id=17325

+http://www.lanazione.it/grosseto/cronaca/2011/01/03/436793-parte_colpo_accidentale.shtml

+

Rosignano. Ferito cacciatore

Un uomo di circa 60 anni è ricoverato all'ospedale di Livorno in un incidente di caccia avvenuto ieri nei boschi di Rosignano Marittimo (Livorno).

Il cacciatore (Paolo Di Capua), residente a Rosignano, è stato colpito da una cartuccia esplosa da un altro partecipante alla battuta di caccia al cinghiale: è in prognosi riservata, ma secondo i medici non è in pericolo di vita.


L'incidente è avvenuto intorno alle 13 nei boschi di Nibbiaia, una frazione di Rosignano.

Sul posto è intervenuta un'ambulanza del 118 e una pattuglia dei carabinieri arrivata da Castiglioncello.

Il cacciatore è stato ferito a un fianco: la cartuccia si sarebbe divisa in due parti provocando lesioni alla milza e un'emorragia all'interno del torace.

Fonte: http://www.radiotoscana.it/news.asp?id=17331

AGGIORNAMENTI: http://iltirreno.gelocal.it/cecina/cronaca/2011/01/04/news/sequestrato-il-pallettone-3096088




DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA


  • 03.01.2011

*1 FERITO GENTE COMUNE (FUNGHI)– AMB.VENATORIO – NUORO – SARDEGNA – Muniz.spezzata

Orosei, ferito al polpaccio, forse un incidente di caccia


I carabinieri di Orosei stanno indagando per fare luce su un misterioso episodio denunciato ieri pomeriggio da Antonio Piredda, oroseino di 44 anni, arrivato al pronto soccorso dell'ospedale di Nuoro con una ferita al polpaccio provocata da una fucilata a pallini

OROSEI. L'uomo ha dichiarato di essere stato raggiunto dalla fucilata mentre era intento a cercare funghi in una località di campagna del territorio oroseino. Non avrebbe visto nessuno e non è stato in grado di fornire ulteriori elementi.


Gli investigatori, vista la concomitanza con una giornata di caccia grossa, non escludono che possa trattarsi di una fucilata esplosa durante una battuta di caccia al cinghiale. Un colpo esploso forse da un battitore per spingere la preda verso le postazioni presidiate dai cacciatori.

Una brutta abitudine quella di armare i battitori, che più di una volta ha causato incidenti di caccia molto gravi.

Fonte:http://lanuovasardegna.gelocal.it/dettaglio/orosei-ferito-al-polpaccio-forse-un-incidente-di-caccia/3089839




  • 05.01.2011


*1 FERITO GENTE COMUNE – AMB.VENATORIO – COSENZA - CALABRIA

Ferito da un cacciatore mentre raccoglie lattughe


TARSIA - All’indomani della commovente storia della piccola Desirèe, nata in autoambulanza, il caratteristico borgo di origine normanna torna agli onori della cronaca, in questo caso, tuttavia, per un fatto di sangue. Fortunatamente senza gravi conseguenze per i protagonisti. Tutta colpa dell’ennesimo incidente di caccia che probabilmente richiederebbe un’attenta riflessione e una profonda rivisitazione del settore.


La vittima, un giovane locale classe ’82, se l’è cavata con 7 giorni di prognosi e tanta paura. Il tutto è avvenuto ieri pomeriggio in località Ferramonti. Al momento la dinamica dei fatti è ancora tutta da chiarire e da verificare. Fatto sta che, stando alle prime informazioni raccolte, mentre il giovane era intento a raccogliere della verdura nel proprio podere, un cacciatore di circa 40 anni lo abbia “impallinato” per errore.


Colpo partito accidentalmente o una mera illusione ottica che poteva avere conseguenze ben più drammatiche? Toccherà agli inquirenti, eventualmente, fare piena luce su questo aspetto qualora la vittima dovesse decidere di sporgere denuncia – circostanza che, al momento di andare in stampa, non ha trovato alcun riscontro. L’uomo, resosi conto dell’accaduto, soccorre il ferito e lo accompagna presso l’ospedale dell’Annunziata di Cosenza dove il giovane riceve le cure del caso. Fortunatamente per lui si è trattato solo di un colpo di striscio ad un braccio.

Fonte:http://www.dirittodicronaca.it/index.php?option=com_content&view=article&id=5838:ferito-da-un-cacciatore-mentre-raccoglie-lattughe&catid=49:cronaca&Itemid=77




  • 09.01.2011

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – GROSSETO – TOSCANA – Muniz.unica - ELISOCCORSO

Battuta al cinghiale. Ferito un cacciatore di 53 anni

L'uomo, un romano di 53 anni, è stato colpito accidentalmente alla coscia da una fucilata in modo abbastanza


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

serio, ma non è in pericolo di vita

(Newspress)Grosseto, 9 gennaio 2011 -

Incidente di caccia in Maremma, in località Macchie Alte, nel comune di Manciano (Grosseto). Durante una battuta al cinghiale, per cause in corso di accertamento, un cacciatore di 53 anni, romano, è stato colpito accidentalmente da una fucilata. L'uomo è stato ferito alla coscia in modo abbastanza serio, ma non è in pericolo di vita. Sono stati gli stessi colleghi di battuta a chiamare subito i soccorsi. Il ferito è stato successivamente trasferito con l'elisoccorso all'ospedale della Misericordia a Grosseto. Sul posto sono interventi operatori del 118 e della Misericordia di Manciano ed una pattuglia dei carabinieri.

Fonte:http://www.lanazione.it/grosseto/cronaca/2011/01/09/439784-battuta_cinghiale.shtml




  • 12.01.2011

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – LIVORNO – TOSCANA- Muniz.unica

CACCIATORE FERITO DA UNA FUCILATA A CAPO D’ARCO

L’UOMO, 56 ANNI, DI PORTO AZZURRO, E’ SCIVOLATO ED HA FATTO PARTIRE INAVVERTITAMENTE UN COLPO CHE LO HA FERITO AD UN PIEDE: OPERATO

Un cacciatore di Porto Azzurro è rimasto ferito questa mattina in un incidente di caccia che si è verificato a Capo d’Arco, nel territorio comunale di Rio Marina. Erano da poco passate le nove del mattino quando E.B., 56 anni, fermo ad una posta per una battuta in compagnia di altri cacciatori, è scivolato sul terreno bagnato per la pioggia della notte precedente, e nel tentativo di non perdere l’equilibrio ha fatto inavvertitamente partire un colpo dal suo fucile, che lo ha raggiunto ad un piede.

L’uomo, che si trovava su una cessa soprastante il vicino laghetto di Terranera, è stato immediatamente soccorso dai compagni di caccia, che lo hanno caricato in macchina e portato al cancello d’ingresso di Capo d’Arco, dove nel frattempo – allertata dal 118 – è arrivata una autoambulanza della Pubblica Assistenza di Porto Azzurro. Il colpo – fortunatamente - non ha colpito in pieno il piede, ma nonostante lo scarpone da caccia ha provocato danni piuttosto seri all’alluce. Il 56enne cacciatore, trasportato all’Ospedale di Portoferraio, è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per cercare di salvare il dito colpito dalla fucilata.

Fonte: http://www.tenews.it/visualizzazione/articolo.asp?IdArticolo=35557



  • 16.01.2011

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – PERUGIA - UMBRIA

INCIDENTE DI CACCIA A MONTELIROSSI

Ancora sotto i ferri il cacciatore spoletino di 45 anni. Il grilletto sarebbe stato fatto scattare dal cane

AGGIORNAMENTO delle 17.25. E' ancora sotto i ferri G. L., lo spoletino di 45 anni protagonista dell'incidente di caccia questa mattina a Montelirossi. L'uomo si era recato a caccia da solo, accompagnato soltanto dal suo cane da ferma. Proprio l'ausiliare, probabilmente in uno slancio d'affetto, si sarebbe avvicinato al cacciatore per saltargli addosso e avrebbe fatto scattare con una zampa il grilletto del fucile.


Il colpo ha interessato la zona addominale, per fortuna senza centrarla in pieno. L'uomo, fanno sapere i carabinieri di Spoleto, è rimasto cosciente anche subito dopo l'accaduto. E' stato proprio lui a telefonare alla moglie chiedendo aiuto e raccontando per sommi capi cosa era successo. La donna ha poi allertato il 118 e i carabinieri, che sono intervenuti sul posto per recuperare il malcapitato.

"Sul fatto che si tratti di un incidente - conferma il capitano Rufino - non ci sono dubbi. Attendiamo ora l'esito dell'operazione per parlare con il diretto interessato".

Fonte: http://www.spoletonline.com/index.php?page=articolo&id=134294



  • 17.01.2011

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – GROSSETO - TOSCANA – Muniz.spezzata

Padre colpisce il figlio

L'incidente è successo a Manciano. Fortunatamente l'uomo non ha riportato gravi conseguenze

Grosseto, 17 gennaio 2011 - Stavano camminando uno dietro all’altro nei boschi di Manciano quando, per


DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

cause del tutto accidentali, dal fucile del padre è partito un colpo che ha ferito il figlio nella parte posteriore del ginocchio. E’ quanto accaduto intorno alle 12.30 di ieri mentre i due si trovavano a caccia e si stavano spostando da un posto all’altro attraverso un sentiero nel bosco. Ad un certo punto, però, dal fucile del padre è partito un colpo che ha centrato la gamba del figlio, per fortuna ferendolo in maniera non grave: portato in ospedale, infatti, i medici lo hanno medicato e poi dimesso con una prognosi iniziale di trenta giorni.

Gli accertamenti sono stati effettuati dai carabinieri dela stazione di Manciano. Padre e figlio sono stranieri di nazionalità romena di 43 e 22 anni, sono residenti a Manciano e entrambi erano in regola con il porto d’armi. E’ stato lo stesso genitore a telefonare al '118' chiedendo l’intervento dei soccorsi. Il fucile dell’uomo era caricato a pallini. Fonte:http://www.lanazione.it/grosseto/cronaca/2011/01/17/443751-parte_colpo.shtml



  • 23.01.2011

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – ANCONA – MARCHE

23 gennaio (ANSA) - OFFAGNA (ANCONA), 23 GEN - Un cacciatore anconetano di 40 anni e' rimasto ferito ad un braccio in un incidente di caccia avvenuto nelle campagne di Offagna. Percorrendo un sentiero l'uomo e' scivolato, e' caduto, e dal fucile che portava in spalla e' partito accidentalmente un colpo, che l'ha raggiunto al braccio. A dare l'allarme e' stato il fratello, che si trovava con lui. Il ferito e' stato trasportato in ospedale ad Ancona: le sue condizioni non destano preoccupazione.(ANSA).

Fonte: http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/marche/2011/01/23/visualizza_new.html_1617217559.html





  • 23.01.2011

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – CAGLIARI - SARDEGNA – Muniz.spezzata

Incidente di caccia nel pomeriggio a Muravera. Luigi Corronca, 79 anni, finanziere in pensione, è stato raggiunto da diversi pallini ad una gamba. E' stato portato in ospedale a Muravera. Guaribile in dieci giorni.

Fonte: http://www.unionesarda.it/Articoli/News/211196





  • 23.01.2011

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – CAGLIARI - SARDEGNA-Muniz.unica

Villasimius: cacciatore ferito a una mano

Un cacciatore di Villasimius è rimasto ferito ieri pomeriggio durante una battuta di caccia. In ospedale è finito Salvatore Mallus, 61 anni: l’uomo è stato subito soccorso e accompagnato all’ospedale Marino di Cagliari dove è stato ricoverato. Il cacciatore è stato probabilmente raggiunto da un pallettone ad una mano. I chirurghi hanno deciso di operarlo per l’estrazione del corpo estraneo.

Fonte: http://www.unionesarda.it/Articoli/News/211190





  • 24.01.2011

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – TERNI – UMBRIA -Muniz.unica

Montegabbione: cacciatore colpito da una fucilata

L'uomo non è in pericolo di vita

Incidente di caccia nell’Alto orvietano. Un uomo di 44 anni, viterbese, è stato ricoverato d’urgenza al policlinico di Perugia per una fucilata, o meglio, un colpo di rimbalzo. Il cacciatore, ferito nella tarda DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA mattinata di domenica durante una battuta al cinghiale nei boschi di Montegabbione, non rischia la vita e se la caverà con una prognosi di qualche giorno.

Fonte: http://www.primapaginachiusi.it/argomenti_View.aspx?Articleid=775&ArgumentID=&Con






  • 26.01.2011

1 MORTO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – BRINDISI - PUGLIA

Tragico incidente di caccia a Brindisi, muore Giovanni Siscio, direttore Energeko.

BRINDISI (26 gennaio) - Tragica battuta di caccia nel Brindisino. E' morto questa mattina all'alba Giovanni Sciscio, 57 anni, brindisino, direttore tecnico della Energeko, la società incaricata del servizio di controllo delle caldaie e degli impianti termici. L'uomo, secondo una prima ricostruzione dei fatti, sarebbe stato raggiunto da un colpo di fucile partito accidentalmente dall'arma di un suo amico. L'incidente è avvenuto in località "Borco del compare", a Jaddico.

Fonte: http://www.quotidianodipuglia.it/articolo.php?id=136154



  • 26.01.2011

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – FORLì – EMILIA ROMAGNA - Muniz.unica - ELISOCCORSO

Modigliana, incidente durante una battuta di caccia. Ferito un 49enne.

MODIGLIANA - Tragedia sfiorata mercoledì mattina durante una battuta di caccia sulle alture di Modigliana. Un 49enne della zona, G.F. le sue iniziali, è rimasto ferito dopo che dal suo fucile è partito un colpo che è finito in una gamba. A dare l'allarme sono stati i compagni di caccia, che l'hanno portato con una Jeep in una zona raggiungibile ai soccorritori. Da Ravenna nel frattempo si è alzata l'elimedica, che ha provveduto a trasportare il ferito all'ospedale.Le sue condizioni non destano particolari preoccupazioni. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della locale stazione, che si sono occupati dei rilievi del caso. Secondo una prima ricostruzione dei fatti l'uomo è scivolato mentre stava camminando. Nel cercare di restare in piedi è partito un colpo dal suo fucile che è finito in una gamba. Subito i compagni di caccia hanno provveduto a tappare la perdita di sangue in attesa dell'arrivo dei sanitari del '118'. Fonte: http://www.romagnaoggi.it/forli/2011/1/27/183874/


  • 01.02.2011

1 FERITO CACCIATORE – AMB.VENATORIO – SAVONA – LIGURIA

Andora, incidente di caccia: scivola e si spara ad un piede Un uomo di 49 anni, A.B., si è sparato accidentalmente a un piede durante una battuta di caccia sui monti savonesi ed è ora ricoverato all’ospedale San Paolo di Savona. Scivolando sul terreno impervio, dopo aver perso l’equilibrio, è caduto a terra e gli è partito un colpo dall’arma. L’incidente è accaduto nei boschi della zona di Conna, una frazione collinare di Andora. Nelle operazioni di soccorso è stata mobilitata la centrale operativa del 118 che ha inviato sul posto un’ambulanza della locale pubblica assistenza. Il cacciatore infortunato a quel punto è stato sistemato sulla barella e trasportato con l’ambulanza fino all’ospedale savonese in Valloria. Qui i medici che lo hanno visitato e disposto il ricovero lo hanno giudicato guaribile, salvo complicazioni, in un mese. Sull’accaduto sono stati informati sia i carabinieri della locale stazione che la questura di Savona. Fonte: http://www.ivg.it/2011/01/andora-incidente-di-caccia-uomo-si-spara-ad-un-piede/

DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA





  • O1.02.2011

Comunicati Stampa

Artena (RM) - Colpito da una pallottola, ferito un cacciatore

Comando Provinciale di Roma

01/02/2011 ore 11:50

Battuta di caccia con ferito, questo è il finale di un "tranquillo" pomeriggio che ha visto coinvolte 4 persone originarie di Rocca Priora (RM).


Durante una battuta di caccia alla volpe un uomo di 54 anni è stato colpito da un pallettone di "rimbalzo".


L'uomo, che casualmente si è trovato lungo la traiettoria del colpo esploso da un 27enne compagno di caccia,

è stato dapprima soccorso dagli amici che lo hanno portato in ospedale.


I Carabinieri della Stazione di Frascati che indagano sul fatto, dopo essere stati avvisati dai sanitari dell'ospedale, hanno ascoltato i testimoni sequestrando il fucile del 27enne e gli abiti del ferito.


Fonte: http://www.carabinieri.it/Internet/Cittadino/Informazioni/ComunicatiStampa/2011/Febbraio/20110201_115000.htm




DOSSIER VITTIME DELLA CACCIA

Riproduzione e pubblicazione dei dati autorizzate citando espressamente la fonte“www.vittimedellacaccia.org

Info: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA