Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Mallare: timbrava il cartellino e andava a caccia, processo in tribunale

E-mail
E' stato aggiornato al prossimo 24 maggio il processo a Adriano Germano, operaio specializzato alle dipendenze del Comune di Mallare che tre anni fa aveva cercato di far passare un incidente di caccia come infortunio sul lavoro. Perchè quel giorno l'uomo avrebbe dovuto essere al lavoro, mentre invece secondo quanto poi accertato dai carabinieri della stazione di Altare e poi della compagnia di Cairo, aveva regolarmente timbrato il cartellino ma poi era andato a effettuare una battuta di caccia "stanziale", vale a dire a fagiani e altri volatili. E in località Montefreddo era stato raggiunto da un colpo di fucile esploso da un altro cacciatore.

Stamane in aula sono stati ascoltati alcuni testimoni, quindi il processo è stato aggiornato a maggio. L'uomo era già stato condannato a cinque mesi di reclusione e 100 euro di multa per tentata truffa ai danni dell'Inail. Ora è in corso il processo per tentata truffa ai danni del datore di lavoro, nel caso specifico il Comune di Mallare, che si è costituito parte civile.  Nel processo è coinvolto anche B. M. che aveva tolto dalla scena il fucile dell'operaio consegnandolo ai carabinieri.

Fonte: www.savonanews.it

Comments

avatar Lilla Turturici
-1
 
 
Ben gli sta.Sempre valido il detto" tanto va il gatto al lardo che ci lascia lo zampino" Se l'è cavata pure troppo bene!!
Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner