Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Rassegna stampa cronologica da cui scaturiscono i dati 2008/2009 - GENNAIO 2009

E-mail Stampa PDF
Indice
Rassegna stampa cronologica da cui scaturiscono i dati 2008/2009
PREAPERTURE -1 settembre 2008
INIZIO STAGIONE VENATORIA 2008/09- 21 settembre
OTTOBRE 2008
NOVEMBRE 08
DICEMBRE 2008
GENNAIO 2009
Tutte le pagine

 

---------------------------------GENNAIO 2009--------------------------------

 

- 02.01.2009 - 1 FERITO CACCIATORE - AMB.CRIMINALE/URBANO - ROVIGO

PORTO TOLLE. Spara dal terrazzo.Il fucile esplode e ferisce un 44enne che perde una mano a Capodanno.. Ha perso due dita e l'uso della mano, tutto per festeggiare l'ultimo dell'anno. Un 44enne, nato ad Adria ma residente a Porto Tolle , si è presentato ieri, verso mezzanotte e mezza, alla casa di cura privata ‘Madonna della salute’ di Porto Viro con la mano dilaniata da un’esplosione. Ai medici ha raccontato di essere stato vittima di un incidente di caccia, durante un battuta. Il fucile, avrebbe raccontato ai sanitari, gli era esploso in mano e lui, per il colpo, era svenuto. Rimasto senza sensi per ore, si era poi risvegliato solo verso
la mezzanotte ed era corso alla clinica per avere soccorso. Il 44enne, di professione pescatore, aveva perso due dita della mano e l’arto si era completamente aperto per la deflagrazione dell’arma, un fucile Beretta, calibro 12 sovrapposto, modello 686. I medici, dopo aver prestato i primi soccorsi, hanno intuito che qualcosa, in quel racconto, non era verosimile e hanno avvisato la polizia. Gli investigatori hanno cercato di ricostruire la vicenda, sentendo le testimonianze dell’uomo e dei suoi familiari e, dopo qualche ora, è emersa la verità: non di un incidente di caccia si era trattato ma di una più tragica fatalità legata alla festa del Capodanno. Fonte:  http://ilrestodelcarlino.ilsole24ore.com/rovigo/2009/01/02/141910-perde_mano_capodanno.shtml
---------
- 05.01.2009 - 1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - TERAMO 

Cacciatore colpisce l'amico
MONTORIO. Avevano approfittato della bella giornata di sole per andare a caccia. La zona scelta da due giovani per andare a caccia  di uccelli era quella sopra Montorio, nelle vivinanze di Villa Brozzi, dove le ampie zone boschive sono spesso rifugio di una  serie di specie volatili. L’incidente si è verificato alle 16. Uno dei due cacciatori, in una zona particolarmente impervia, è  scivolato e accidentalmente dal suo fucile è partito un colpo, che ha centrato una spalla del compagno.  E’ stato l’urlo di dolore  di G.S., 36 anni di Nerito, a far capire a L.P., 41 anni di Montorio che il colpo partito dal suo fucile non era andato a vuoto.   (...) A bordo dell’auto sono arrivati al pronto soccorso di  Teramo. Qui G.S. è stato subito sottoposto a una serie di accertamenti. Intanto il pronto soccorso, trattandosi di lesioni  derivanti da un colpo di arma da fuoco, ha avvertito la polizia.  Intanto G.S. è stato ricoverato nel reparto di ortopedia e verrà  operato, soprattutto per togliere dalla spalla i pallini. Nel frattempo la polizia sta vagliando la posizione dell’amico. Le  indagini sono coordinate dal capo della mobile Gennaro Capasso . Per L.P. è probabile una denuncia per lesioni colpose.  Infatti se  la gravità delle ferite riportate da chi ha subito le lesioni è lieve, cioè la prognosi è inferiore a 20 giorni, si procede a  querela di parte. In caso di prognosi superiori - e nel caso del 36enne di Nerito la prognosi è di 40 giorni - si procede  d’ufficio.  Da settembre, cioè da quando è partita la stagione venatoria, questo è il primo incidente di caccia in provincia di 
Teramo.  Fonte: Il Centro, 06 Gennaio 2009.

---------
- 06.01.2009 - 1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - ROMA- ELISOCCORSO
CERVETERI. Ferito all'addome dall'amico durante una battuta di caccia al cinghiale, ricoverato in gravi condizioni a Roma. (...) L'incidente in una riserva tra Furbara e Sasso, conosciuta non solo dai residenti ma anche dai cacciatori che in questo periodo dell'anno si avventurano nella boscaglia per stanare cinghiali. Verso le 10.30 il gruppo avvista la preda, si nasconde, manda avanti i cani, i latrati segnalano che si è sulla pista giusta. Poi parte un colpo, uno secco che fende l'aria ma il grido che segue non è quello di un animale ferito mortalmente ma sono urla umane che fanno accapponare la pelle. È stato colpito uno dei cacciatori in modo assolutamente involontario, scambiato forse per il quadrupede, ferito all'addome da un colpo di fucile. Sono momenti di fibrillazione: il ferito M. M., 58 anni di Bracciano, è disteso a terra, il viso cereo mentre copioso esce il sangue dall'addome. Si chiama subito l'ambulanza, si allertano i carabinieri di Campo di Mare che al comando del maresciallo Sestito coordinano le operazioni di soccorso. Sul posto il medico giudica grave la ferita e si decide così di far intervenire l'eliambulanza. Arriva il mezzo, preleva l'uomo e lo trasporta al policlinico Gemelli di Roma. Il cacciatore viene operato. Le sue condizioni sono gravi. Sotto choc il feritore, S. G., 71 anni, di Civitavecchia che ha sparato ma non si è accorto della presenza dell'uomo.
06/01/2009 . Fonte: http://iltempo.ilsole24ore.com/lazio_nord/2009/01/06/972335-spara_cinghiale_centra_amico_addome.shtml
---------

- 10.01.2009 - 1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - POTENZA

CAMPOMAGGIORE. Incidente di caccia, ferito un 77enne: in rianimazione

Donato Pace è l'avvocato difensore del deputato del Pd Margiotta Campomaggiore, 10 gen (Apcom) - Donato Pace, avvocato penalista di 77 anni e difensore del deputato lucano del Pd Salvatore Margiotta, è stato ferito alla testa durante una battuta di caccia. L'incidente è avvenuto questa mattina all'alba, nei boschi ricadenti nel territorio di Campomaggiore, a pochi chilometri da Potenza. I pallini che lo hanno colpito sono partiti involontariamente dal fucile di un altro cacciatore. Il legale si trova attualmente nel reparto di rianimazione dell'ospedale San Carlo del capoluogo lucano. Pace difende il deputato Margiotta nell'inchiesta Total su un presunto giro di mazzette e appalti petroliferi in Basilicata.  Fonte:  APCOM
---------
- 12.01.2009 - 1 MORTO CACCIATORE - AMB . VENATORIO - PALERMO
Inciampa e parte un colpo  di fucile.
(AGI) - Palermo, 12 gen. - I carabinieri indagano sull'incidente mortale di caccia avvenuto nelle campagne di contrada San Loe, agro del Comune di Monreale (Palermo). La vittima e' un pensionato di 60 anni, Vincenzo Spinnato, originario di Palermo, ma residente a san Cipirrello, a Quarto Mulino.(...). L'uomo era partito da Palermo alle 6 di ieri mattina, insieme a un parente, R.P., 72enne, e a un amico, M.G., di 49 anni. A un certo punto, intorno alle 8.30, mentre da una strada interpoderale Spinnato cercava di immettersi all'interno di un terreno agricolo, imbracciando un fucile da caccia caricato con cartucce a pallini, per cause corso accertamento avrebbe perso l'equilibrio, scivolando sull'erba bagnata. Sarebbe cosi' partito accidentalmente un colpo dall'arma che lo ha colpito al volto, spappolando la mandibola e il cranio. L'uomo, considerato dai congiunti un cacciatore esperto, sposato e padre di quattro figli, e' morto all'istante e il medico legale Valentina Murgo non ha potuto che costatarne il decesso. (...) L'arma, detenuta dalla vittima, ma sprovvista di regolare porto di fucile, e' risultata essere un fucile calibro 12 marca "Pietro Beretta" modello sovrapposto, di proprieta' del parente della vittima. I carabinieri della Compagnia di Monreale hanno presentato all'autorita' giudiziaria un dettagliato rapporto sulla vicenda, e non escludono eventuali responsabilita' penali del parente, per l'incauto affidamento dell'arma sottoposta a sequestro giudiziario.
Fonte: http://www.agi.it/palermo/notizie/200901120940-cro-rt11018-art.html
---------
- 15.01.09 - 1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - BENEVENTO 
SAN GIORGIO DEL SANNIO. Cacciatore durante una battuta spara per sbaglio ad un suo collega ferendolo al viso. Gli agenti hanno sequestrato il fucile e il porto d’armi del 19enne che è stato anche denunciato in stato di libertà per violazione della normativa sulla caccia e lesioni colpose a danno di S.P.di anni 28 residente a San Giorgio del Sannio. Il Personale della Squadra Mobile interveniva presso il Pronto Soccorso del locale ospedale ‘G.Rummo’, ove poco prima era giunto 28 enne con ferite d’arma da fuoco (fucile da caccia) ‘con pallini ritenuti in sottocute della regione frontale mediana- parietale sinistra e occipitale ed in tessuti molli della regione laterocervicale sinistra in sede sottofacciale all’altezza dell’angolo sottomandibolare’. Il Giovane riferiva che poco prima mentre si trovava nei pressi del laghetto in angro del comune di San Giorgio del Sannio in attesa del passaggio di anatre veniva colpito dalla fucilata esplosa dal 19enne anch’egli in appostamento sull’altra sponda del lago il quale dichiarava di essere stato tratto in inganno dal suo cane da caccia, il quale aveva attirato l’attenzione verso un cespuglio ove però si trovava il 28 enne. Il personale ha proceduto al sequestro del fucile e della licenza del posto d’arma.
Fonte: http://lnx.82cento.it/page/leggitutto.php?idNews=7193
--------
- 16.01.2009 - 1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - SALERNO

SERRE. Un tenente colonnello dell'esercito, Gaetano Ruoto, 58 anni, e' rimasto ferito gravemente nel corso di una battuta di caccia al cinghiale nel Salernitano. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri della compagnia di Eboli, era con un amico nei pressi del fiume Sele, nel territorio di Serre, quando sarebbe rimasto  ferito gravemente dalla rosa di pallini partiti dal fucile dell'amico che lo hanno raggiunto al petto perforandogli i polmoni e recidendogli un'arteria l'ambulanza che ha soccorso il militareSalerno. Grave incidente durante una battuta di caccia al cinghiale. L’episodio è accaduto nei pressi del fiume Sele, più precisamente nel territorio di Serre. (...)L'uomo di 51 anni che al momento dell’arrivo dei soccorsi versava in stato di choc. G.R si trova ora ricoverato in gravi condizioni presso il reparto di rianimazione dell'ospedale di Salerno. Fonte:http://www.julienews.it/notizia/20879_incidente-di-caccia-nel-salernitano-ferito-un-ufficiale-dellesercito.html17.01.2009

- 1 FERITO CACCIATORE -  AMB.VENATORIO - TREVISO 
Cade il fucile e ferisce il compagno di caccia
PEDEROBBA . Due colpi hanno centrato al braccio e al torace un sessantenne trevigiano operato a Castelfranco. Grave incidente di caccia in tarda mattinata a Onigo. Tre cacciatori, uno di Pederobba e due di Arsiero in provincia di Vicenza, erano tornati alle auto alla fine della battuta quando a uno dei due vicentini è caduto il fucile. Sono partiti due colpi che hanno colpito all'avambraccio sinistro e in parte al torace L. M., 62nne operaio di Pederobba. Gravi le ferite al braccio in quanto i pallini hanno provocato danni vascolari e alle nervature delbraccio ed stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico a Castelfranco. I tre erano partiti di mattina presto per una battuta di caccia nella zona collinare di Onigo. C'erano L. M., 62enne di Pederobba, pratico dei luoghi, e due vicentini. L'incidente è accaduto verso le 11 alla fine della battuta, al momento di tornare alle vetture lasciate in via Boschi a Onigo per fare ritorno a casa. Arrivati nei pressi delle auto i tre si sono sfilati il
fucile per riporlo nel bagagliaio. È stato in quel momento che ad uno dei due vicentini, F. D., 29 anni, autotrasportatore, residente ad Arsiero, è caduta l'arma ancora carica. L'impatto della caduta ha fatto scattare i grilletti e sono partiti due colpi che hanno centrato l'operaio. I due colpi hanno avuto effetti devastanti e i pallini si sono infilati soprattutto nel braccio sinistro e in parte nel torace sinistro. (...)All'ospedale di Montebelluna si sono resi conto subito che la situazione era grave e i danni al braccio erano consistenti. È stato quindi deciso di trasferirlo a Castelfranco dove era pronta una equipe costituita da un ortopedico, un chirurgo e un chirurgo vascolare per procedere con l'intervento. Nel pomeriggio L. M. è entrato in sala operatoria ed è stato sottoposto a un lungo e delicato intervento chirurgico per cercare di salvare le funzionalità del braccio. Attualmente è in prognosi riservata, ma non corre pericolo di vita. Si è saputo, comunque, che la parte vascolare cutanea del braccio sinistro è stata sistemata, ma sarà necessario un secondo intervento. Nel frattempo erano iniziate le indagini da parte dei carabinieri di Pederobba e Crocetta, inviati sul posto dal comando di Montebelluna. I carabinieri hanno sentito i due cacciatori vicentini, hanno fatto un sopralluogo nella zona e controllato i documenti e i permessi di caccia dei due vicentini che hanno ricostruito la dinamica dell'incidente, avvenuto in via Boschi a Onigo. 
Fonte: Il Giornale di Vicenza, 18 Gennaio 2009
--------
- 17.01.2009 -1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - GROSSETO 
Mette il fucile in spalla e parte un colpo: ferito
MAGLIANO. Si dimentica di mettere la sicura al fucile e quando lo mette a tracolla parte un colpo che lo ferisce alla schiena, ma per fortuna, il proiettile in canna è a salve. C’è probabilmente un po’ di imprudenza nell’incidente avvenuto ieri pomeriggio poco dopo le 16 a Magliano in Toscana nella prestigiosa tenuta Vivarelli-Colonna. A ferirsi, un trentaseienne Luca C., residente in Maremma, ultima vittima di una giornataccia per la caccia al cinghiale in Maremma, con un morto a causa di un malore e un’altra persona ricoverata al Misericordia in seguito a una crisi respiratoria mentre stava effettuando una battuta.  Il cacciatore, anche in questo caso, era in compagnia di altri colleghi. Il gruppo aveva appena terminato una sorta di prova per la battuta al cinghiale nella riserva.  Secondo una prima ricostruzione, confermata anche da alcuni
testimoni, l’incidente sarebbe avvenuto quando il giovane cacciatore, forse per un po’ di inesperienza nel maneggiare le armi da caccia, si è messo il fucile a tracolla per riporlo e tornare verso le auto. Molto probabilmente il trentaseienne non si è però ricordato di mettere la sicura all’arma. La sua sfortuna è stata quella di sfiorare il grilletto facendo partire un colpo, per sua fortuna, caricato a salve che lo ha colpito alla schiena. (...) Fonte: Il Tirreno, 18 Gennaio 2009
---------
- #*18.01.2009 - 1 FERITO GENTE COMUNE (TARTUFI ) -AMB.VENATORIO-AVELLINO
SUMMONTE.  Cercatore di tartufi ferito in un incidente di caccia.
Avellino, 18 gen. (Adnkronos) - Un uomo e' rimasto ferito a seguito di un incidente di caccia avvenuto a Summonte , in provincia di Avellino. La vittima si era recata nei boschi in cerca di tartufi quando e' stato ferito al torace da una fucilata. L'uomo e' stato portato in ospedale: le sue condizioni non sono gravi. Subito dopo i carabinieri di Avellino si sono messi alla ricerca del cacciatore che non volontariamente ha esploso la fucilata provocando il ferimento del cercatore di tartufi.
--------
- 25.01.09 - 1 MORTO CACCIATORE - AMB.VENATORIO -  ORISTANO

TERRALBA. Muore mentre salta un filo spinato.Un cacciatore di Terralba, Gesuino Atzori, di 56 anni, è stato trovato morto questa mattina nelle campagne di Terralbaucciso da un colpo partito accidentalmente dal suo fucile.(...)Il fatto è avvenuto nel pomeriggio di ieri. Atzori, celibe, era uscito da solo verso le 15 dalla sua abitazione per una battuta di caccia. L'allarme è stato dato poco dopo mezzanotte da un nipote preoccupato per il suo ritardo. Le ricerce sono state avviate durante la notte ma il corpo è stato trovato questa mattina dopo le 8 in località Poni Casu lungo la strada provinciale per San Nicolò d'Arcidano.    
Fonte: http://unionesarda.ilsole24ore.com/Articoli/Articolo/103298
---------
- 26-01-2009- 1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - PISA

PECCIOLI- Cacciatore ferito da due pallini vaganti. Un uomo di circa 55 anni, residente a Tirrenia, e' rimasto ferito, ieri mattina, sulle colline di Peccioli mentre era a caccia insieme ad alcuni amici. L'uomo, stando alla prima ricostruzione del fatto, e' stato raggiunto per sbaglio da alcuni pallini che erano destinati a un fagiano e che invece hanno colpito l'uomo a una mano e al sopracciglio. Il cacciatore e' stato soccorso da un'ambulanza della Misericordia di Peccioli, inviata dal 118 di Pisa, ed e' stato trasportato all'ospedale Lotti di Pontedera per gli accertamenti necessari, soprattutto per escludere che il pallino che ha ferito il cacciatore vicino ad un occhio non fosse causa di problemi seri alla vista. Ipotesi questa, che ieri sera sembra sia stata esclusa.
Fonte: La Repubblica, Pisa del 26.01.2009
--------
- 30.01.2008- 1 MORTO CACCIATORE - AMB.VENATORIO- CAGLIARI-

STINTINO. Tragica battuta di caccia, muore un 47enne. Colpito da una fucilata sparata accidentalmente da un amico. Cagliari, 30 gen. (Apcom) - Un cacciatore di 47 anni, Enrico Biccheddu di Pozzo San Nicola (Ss), è morto nelle campagne di Stintino, ucciso da una fucilata esplosa accidentalmente da un suo compagno di battuta. Il tragico incidente è avvenuto ieri al termine di una battuta di caccia cui Biccheddu aveva preso parte insieme ad un amico, Giuseppe Masia. I due stavano rientrando verso il loro fuoristrada, parcheggiato in una radura. Il colpo di fucile sarebbe partito mentre Giuseppe Masia saltava un muretto a secco: la rosa di pallini partita dall'arma si è conficcata nel fianco sinistro di Biccheddu che è morto dissanguato dopo pochi minuti. Inutili i soccorsi chiamati dall'amico. La vittima è stata sottoposta ad esame necroscopico a Sassari mentre Masia è stato denunciato per omicidio colposo.  Fonte:
http://notizie.alice.it/notizie/cronaca/2009/01_gennaio/30/sardegna_stintino_tragica_battuta_di_caccia_muore_un_47enne,1
7772864.html
--------
- 30.01.2009 - 1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - SIENA -
ELISOCCORSO. 
CASCIANO. Cacciatore ferito a Casciano.Il colpo partito dal suo fucile
Siena, 30 gennaio 2009 - Un cacciatore è ricoverato in prognosi riservata alle Scotte dopo essersi accidentalmente ferito durante una battuta. Mario P., 61 anni, residente a Siena, era partito abbastanza presto da casa, dirigendosi, da solo, verso i boschi che circondano Casciano di Murlo. L’uomo stava camminando, come poi lui stesso ha raccontato in un secondo momento ai carabinieri della locale caserma, quando, giunto in località Santo Stefano, è scivolato sul terreno reso estremamente insidioso per l’umidità della notte e le recenti piogge.Nella caduta, dal suo fucile è partito un colpo che lo ha raggiunto alla gamba sinistra. Il118 per diminuire i tempi di arrivo sul posto ha allertato Pegaso e l’elicottero dopo alcuni minuti è riuscito ad atterrare in una radura. 
Fonte: http://lanazione.ilsole24ore.com/siena/2009/01/30/148000-cacciatore_ferito_casciano.shtml
---------
- # -30.01.2009 - 1 MORTO GENTE COMUNE - AMB.DOMESTICO - MACERATA 
(DISTURBI PSICHICI) 
Omicidio-suicidio a Col dell'Aglio: Spara al fratello malato e poi si uccide.Tragedia familiare a San Ginesio. COL D'AGLIO. I due, Primo e Filippo Valori, di 77 e 73 anni, vivevano da soli in una casa di campagna piuttosto isolata. Era il più grande ad occuparsi dell'altro, ex carabiniere affetto da problemi psichici.  Prima ha ucciso il fratello con un colpo di fucile, poi ha rivolto l'arma contro se stesso e si è suicidato. Teatro della tragedia famigliare Col dell'Aglio, una piccola frazione di campagna vicino a San Ginesio (Macerata). (...)Probabilmente stanco della vita che conducevano, e a sua volta depresso, questa mattina Primo ha imbracciato il fucile (regolarmente detenuto) e ha raggiunto il fratello nell’aia, colpendolo alla schiena. Poi è rientrato in casa, e si è ucciso.
Fonte:
--------
#- 30-01-2009- 1 FERITO GENTE COMUNE - AMB.VENATORIO- SALERNO

CASALETTO SPARTANO-. Sfiorata la tragedia ieri mattina in localita' "Varco delle Chiappe". Un presunto incidente di caccia poteva generare conseguenze ben piu' gravi ad un giovane 28enne residente in Svizzera, ma di fatto domiciliato a Casaletto Spartano, noto centro dell'entroterra del golfo di Policastro. Erano da poco passate le 9 quando, per cause ancora in fase di accertamento da parte dei carabinieri della compagnia di Sapri guidati dal capitano Gianmarco Pugliese, il ragazzo e' stato colpito da una fucilata, esplosa probabilmente da un ignoto cacciatore durante una battuta. Una raffica di pallini usati solitamente per caricare le cartucce da caccia hanno investito l'emigrante provocandogli diverse ferite alle cosce e alla mano sinistra. Il giovane, che in quel momento si trovava a non molta distanza dalla sua abitazione, una casa di campagna a poche centinaia di metri dal confine con la Basilicata, e' stato immediatamente soccorso dai propri familiari che lo hanno trasferito presso l'ospedale civile di Lagonegro. Il ragazzo e' stato sottoposto ad un delicato intervento, resosi necessario per asportare i pallini e saturare le numerose ferite da arma da fuoco. Secondo i sanitari lagonegresi ci vorranno almeno una decina di giorni di prognosi. Intanto, sull'anomalo incidente, la Procura della Repubblica di Sala Consilina ha aperto un fascicolo. I militari, dopo i rilievi del caso, effettuati sulla montagna del Fortino dove e' avvenuto l'incidente, hanno interrogato il cilentano ferito, ricoverato presso la struttura ospedaliera lucana. Il ragazzo avrebbe dichiarato che a causa della fitta vegetazione non ha visto chi ha esploso il colpo; particolare quest'ultimo che non farebbe escludere alcuna pista. . Non e' la prima volta che si verificano episodi del genere, solo qualche mese fa in località¡ Ginestre a Vibonati una decina di piombini rasentarono una villetta. Fonte: La Repubblica, Salerno del 30.01.2009
--------
31.01.2009 - 1 MORTO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - ORISTANO 
SANTU LUSSURGIU. Un morto durante l’ultima battuta dell’anno di caccia al cinghiale. (ANSA)-ORISTANO, 31 GEN- Un cacciatore di San Vero Milis di 44 anni è morto ucciso da un colpo di fucile esploso accidentalmente da un compagno. L’incidente è avvenuto durante una battuta dell’ultima giornata della stagione di caccia grossa in località Pabarile, nelle campagne di Santu lussurgiu. I Carabinieri hanno aperto un’indagine per accertare i fatti e le responsabilità.
Fonte: ANSA
---------
- 31.01.2009 - 1 FERITO CACCIATORE - AMB.VENATORIO - CASERTA
Caserta, parte accidentalmente un colpo di fucile da cinghiale a Baia e Latina: cacciatore in gravi condizioni
PIETRAMELARA -  Una tragedia incredibile quella che è avvenuta tra le montagne di Baia e Latina (Caserta), un uomo è stato colpito accidentalmente dal fucile da caccia. Roberto Margherita, 44 anni, di Casaluce (Caserta), aveva organizzato la sera prima una battuta di caccia insieme ad un gruppo di amici, con cui divideva la stessa passione.
I cacciatori sono partiti stamattina all’alba e si sono recati in località Campetelle, una zona di montagna tortuosa difficile da raggiungere. (...)Dalle prime indagini pare che il poveretto, che si era allontanato per i suoi bisogni, aveva fatto cadere accidentalmente il fucile che aveva tra le mani il quale aveva il colpo in canna che è esploso. L’uomo in quel momento aveva abbassato la testa ed il proiettile ha colpito il mento uscendo dalla nuca. Il volto del poveretto è completamente distrutto dal micidiale colpo che lo ha trafitto. Una mattina che è finita tragicamente. 
Fonte: http://www.ecodicaserta.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2929:caserta-parte-accidentalmente-
un-colpo-di-fucile-a-baia-e-latina-cacciatore-in-gravi-condizioni&catid=28:cronaca&Itemid=34
--------
- 31.01.2009 - 1 FERITO CACCIATORE - AMBITO VENATORIO - NUORO

IRGOLI. Mentre stava facendo una battuta di caccia in compagnia di alcuni amici, si e' ferito accidentalmente col suo stesso fucile. Michele Flore, 43 anni, di Irgoli, e' finito a terra con una ferita alla gamba. (...) Forse era stato un movimento inconsulto, forse la distrazione.  Certo e' che anche ieri pomeriggio, nelle campagne di Irgoli, si e' svolta piu' o meno una scena simile a quella che e' accaduta a Oristano. Stando alla prima ricostruzione fatta dai carabinieri della compagnia di Siniscola, Michele Flore, 43 anni, di Irgoli, stava scavalcando in fretta una recinzione quando gli e' partita accidentalmente una schioppettata che l' ha colpito a una gamba.  L'uomo e' stato soccorso dai suoi compagni di battuta e subito portato al pronto soccorso.
Fonte: La Repubblica, Nuoro (del 1.02.2009)

--------
N.B. –Le notizie qui riportate potrebbero non rappresentare la totalità dei casi con vittime per armi da caccia in quanto estratte occasionalmente dalle rassegne stampa.

I DATI QUI RIPORTATI SONO PUBBLICABILI CITANDO LA FONTE: ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA

ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA
www.vittimedellacaccia.org

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.


 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner