Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Uccise prete scambiandolo per cinghiale il giudice: può tornare al lavoro

E-mail Stampa PDF

E' stato concesso dal giudice il permesso di recarsi al lavoro a Giovanni Converso Ardino, il bracconiere di 51 anni che è agli arresti domiciliari dal 23 agosto scorso per aver ucciso con una fucilata il parroco veneto don Francesco Cassol, la cui sagoma nel buio della notte aveva scambiato per quella di un cinghiale. Il permesso è stato accordato dal gip del tribunale di Bari Anna Polemio in considerazione del fatto che il lavoro è per Ardino, operaio in una fabbrica della zona, l'unica fonte di sostentamento.
"Credevo di sparare ad un branco di cinghiali", disse l'uomo agli investigatori quando, a oltre 24 ore dall'omicidio si costituì nella caserma dei carabinieri di Altamura. I militari erano già sulle sue piste: il colpo che aveva ucciso don Cassol - impegnato sulla Murgia barese in un Raid Goum, un ritiro di digiuno e di preghiera con i suoi parrocchiani - era un proiettile di un fucile impiegato nella caccia al cinghiale.

Per questo, nelle ore immediatamente successive all'omicidio erano stati controllati cacciatori che, secondo le registrazioni delle armi, avevano quel tipo di fucile e acquisite armi, tra le quali quella di Ardino. Nei confronti di Ardino s'indaga per omicidio colposo e caccia di frodo. L'omicidio è avvenuto in un'area nella quale la caccia non è consentita, trovandosi nel Parco nazionale della Murgia, e in un momento dell'anno nel quale in Puglia la caccia non è aperta.

 

Fonte: Repubblica-Bari

Comments

avatar Donatella
0
 
 
Speriamo che la Giustizia emani una condanna esemplare, questo bracconiere e/o cacciatore, ha ucciso un uomo di pace, un "Grande" Uomo, non merita gli arresti domiciliari, NON merita sconti di Pena, NON merita privilegi, è un ASSASSINO!
Il suo animo è malvagio e crudele come tutti quelli che privano della loro vita altri esseri viventi.
avatar RAFFAELLA CAVALCANTI
0
 
 
Questa non è giustizia ....e non è giusto che muoiano uomini di pace e non è giusto che vengano UCCISI animali INDIFESI!!!BASTA CON LA CACCIA ..non è uno sport.... è una attivita' di morte e come tale deve ESSERE ABOLITA SUBITO!!!!!!!!
Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner