Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Vittime della Caccia: i caduti e i feriti

E-mail Stampa PDF

Il 4 febbraio è stato consegnato al Sen. Roberto Della Seta del PD, a Roma, il dossier sulle Vittime della Caccia, redatto da Daniela Casprini, Presidente della Associazione Vittime della Caccia in cui vengono svelati i dati relativi ai caduti e feriti in incidenti venatori. Il materiale, tutto completamente documentato con tanto di articoli, riporta un totale di 72 feriti e 23 morti dal settembre 2009 a gennaio 2010, suddivisi in “vittime in ambito venatorio” e “vittime per armi da caccia in ambito extra-venatorio” che sono in pratica privati cittadini rimasti coinvolti loro malgrado. Un numero impressionante, calcolando che l'attività inizia i primi di settembre, più precisamente il 2 e finisce il 31 gennaio per un totale di 5 mesi. Le vittime provocate nell'ambito extra-venatorio, per la maggior parte, sono causate dalla negligenza dei cacciatori che non rispettano i fondi chiusi e le distanze di sicurezza, regole fondamentali per questa pratica. Alla lista non sono stati aggiunti tutti gli animali domestici rimasti uccisi durante le battute di caccia, per la difficoltà di raccogliere dati e la mancanza di denuncia da parte dei proprietari, che spesso, per paura, non avvisano le autorità. Le critiche che si sono alzate dal mondo venatorio, come ogni anno, puntano sul fatto che chi è rimasto solo ferito non dovrebbe essere aggiunto alla lista nera, ma così facendo si sminuisce la gravità dei loro errori. Con le nuove proposte del Sen. Orsi e del Sen. Santini, appoggiati dal PdL e dalla Lega, il periodo di caccia passerebbe da cinque a dodici mesi, moltiplicando esponenzialmente il rischio che questi incidenti avvengano. Una lobby di 700.000 persone, composta praticamente da soli uomini, salvo qualche eccezione, che spadroneggia nelle nostre terre, creando un pericolo serio per la nostra sicurezza e quella delle nostre famiglie. Il Sen. Roberto Della Seta ha preso in consegna ufficialmente il dossier e lo riutilizzerà nei prossimi mesi alla Camera, quando il ddl Santini sarà discusso per essere approvato. Un disegno di legge controverso che sta facendo infuriare le associazioni ambientaliste ed i cittadini che si vedrebbero costretti ad accogliere nelle proprie terre per tutto l'anno i cacciatori.

 

Link:
Vittime Della Caccia: www.vittimedellacaccia.org
Dossier: www.vittimedellacaccia.org/news/dossier/crono-vittime-caccia-2009-2010.html
Roberto della Seta: www.senato.it/leg/16/BGT/Schede/Attsen/00025200.htm

 

Segui Vegetarismo.org

 

Fonte : SceglierBio

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner