Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Padova. Gattino preso a fucilate: tornava casa con le zampe posteriori maciullate

E-mail Stampa PDF

I proprietari, residenti ad Arlesega, hanno sporto denuncia contro ignoti e appeso manifesti per cercare il responsabile

di Barbara Turetta

PADOVA (9 agosto) - Le zampe posteriori maciullate da un colpo d'arma da fuoco. Le radiografie hanno evidenziato nelle ossa resti di schegge metalliche riconducibili ad un proiettile.

Gravemente ferito e sanguinante Masterpiece, un bellissimo gatto di razza orientale di quattro anni, sterilizzato, molto amato dai suoi proprietari che lo ritengono un "capolavoro", è riuscito a tornare a fatica nella sua abitazione di Arlesega. Da giovedì sera il bellissimo micio è ricoverato in una struttura veterinaria, il colpo d'arma da fuoco gli ha trapassato tessuti, tendini e ossa, passando da parte a parte. Una grave ferita che quasi certamente gli causerà l'amputazione di una delle due zampe posteriori, con il rischio che anche la funzionalità dell'altra zampa possa non essere recuperata.
Un gesto crudele che i proprietari di Masterpiece, Alessandra Tasso e Marco Leopardi, non riescono a comprendere. «Abbiamo sempre avuto gatti - racconta Alessandra - Abbiamo un grande giardino recintato ma i gatti gironzolano e qualche volta saltano la rete e si aggirano nei giardini e orti altrui. Ma cosa mai avrà potuto fare di così grave il nostro micio per meritarsi un colpo di arma da fuoco?».

I proprietari, che assicurano di non aver mai avuto problemi con nessuno, pensano che il loro gatto non sia stato ferito molto lontano da casa perché in quelle condizioni non avrebbe potuto di certo percorrere molta strada. «Giovedì notte l'abbiamo subito portato al pronto soccorso - continua Alessandra - dove si trova a ancora. Il veterinario ha confermato che il gatto ha le zampe maciullate a causa di un colpo di arma da fuoco».

I proprietari si sono recati dai carabinieri per sporgere denuncia contro ignoti e hanno appeso alcuni manifesti per chiedere la collaborazione dei vicini e riuscire a sapere chi può aver impugnato un'arma e sparato contro il gatto. Un gesto folle che non lascia indifferenti, come il pensiero che magari quel proiettile poteva ferire anche qualcun altro.

Fonte: Il Gazzettino - Padova

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner