Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Cacciatore annega il cane perchè non utile.

E-mail Stampa PDF

Due pietre attaccate al collare e un volo in fondo a uno dei canali che costeggiano le campagne ferraresi. E’ questa la sorte che un uomo senza scrupoli ha riservato al proprio segugio, “colpevole” forse di non sapere o di non volere inseguire le prede abbattute dalla doppietta del suo proprietario.

Avrebbe potuto abbandonarlo, certo. Ma l’uomo probabilmente temeva che attraverso il microchip del cane sarebbe stato possibile risalire alle sue generalità. Meglio allora la soluzione estrema: annegarlo con la certezza che l’acqua, con il passare dei mesi, avrebbe cancellato ogni traccia del gesto ignobile. Questa volta però il destino non ha avuto la meglio sulla giustizia, e ha permesso di recuperare il corpo senza vita dell’animale. E del microchip. Per il carnefice, invece, si potrebbero aprire le porta del carcere (fino a 18 mesi). «Non ci sono parole — commenta il presidente dell’Enpa di Ferrara, Alberto Felloni —. Ci sono solo rabbia e delusione. Come associazioni cerchiamo di fare tanto, ma a quanto pare non basta.»

Comunicato Enpa

Fonte: www.gexplorer.net

Comments

avatar Mira
0
 
 
Fosse la volta buona che qualcuno di questi bastardi finisce in galera! E invece se la cavano sempre con delle multe inferiori a quelle di divieto di sosta! E' vergognoso!!! VOGLIAMO PENE ESEMPLARI, SIAMO STUFI DI QUESTI SOPRUSI!
Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner