Associazione Vittime della caccia

organizzazione di volontariato senza fine di lucro ai sensi della Legge 266-91

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Cs.Caccia: Sangue, indifferenza e ipocrisia, così inizia la nuova stagione venatoria!

E-mail Stampa PDF

BOLLETTINO DELLA GUERRA N.1/2018-19

COMUNICATO STAMPA - Associazione Vittime della caccia - 01 ottobre 2018

Caccia: Sangue, indifferenza e ipocrisia, così inizia la nuova stagione venatoria!

A un mese dall'inizio della caccia, tenendo conto delle preaperture autorizzate in 16 regioni, i cacciatori non hanno fatto mancare la solita scia di sangue e di sconcerto. E' inaccettabile che si continui a giustificare l'uccisione e il ferimento di gente inerme riconducendoli alla sola "tragica fatalità", come da sempre il mondo venatorio ripete.

Dal 1 al 30 settembre, sono 17 le persone impallinate dai fucili da caccia,

ovvero, 4 Morti e 13 feriti -  di cui Non Cacciatori 2 Morti e 5 feriti (*1 minore ferito)

Nel solo  Ambito Venatorio, in totale 15 vittime: 2 Morti + 13 feriti, di cui 1 Morto e 5 feriti Non Cacciatori.

"Passeggiare nei boschi è diventata una scommessa con la morte, quella purtroppo toccata ieri al 19enne in Liguria colpito all'addome da un proiettile da cinghiale: non può essere responsabile solo chi ha sparato, ma inevitabilmente anche chi autorizza questo tipo di caccia nei luoghi pubblici", dichiara Maurizio Giulianelli, vice presidente dell'Associazione Vittime della caccia, che aggiunge " altri innocenti colpiti, per fortuna solo feriti. A Cesena un bambino di 8 anni ferito alla schiena dai pallini mentre si trovava in cortile; a Rimini sulla pista ciclabile, un ciclista lungo il fiume Marecchia è stato colpito al volto dalla fucilata di un cacciatore; a Faenza tre raccoglitori di kiwi centrati da un cacciatore di lepri; a Sesto Fiorentino i pallini di piombo arrivano sul tavolo di un ristorante dove una famiglia con un bambino piccolo stava pranzando...".

L'Associazione Vittime della caccia denuncia ancora una volta l'indifferenza delle istituzioni di fronte ad un allarme che ben altra risposta dovrebbe comportare, soprattutto in chi fa ipocritamente della sicurezza pubblica l'emergenza prioritaria.

ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA - 1 OTTOBRE 2018

Comments

Per poter lasciare o leggere i commenti bisogna essere iscritti.
 

Commenti Facebook

Da questo semplice form potrete collegarvi direttamente al vostro account su facebook.

Banner