PETIZIONE AVC: ALLA MASCHERINA DACCI UN TAGLIO!!

CAMPAGNA E PETIZIONE PROMOSSE DA AVC – ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA – maggio 2021

ALLA MASCHERINA DACCI UN TAGLIO!! (prima di gettarla nei rifiuti)

mde
  • Al Presidente del Consiglio, Mario Draghi;
  • Al Ministro dell’Ambiente – Transizione ecologica, Roberto Cingolani;
  • Al Ministro per le Politiche Agricole, Stefano Patuanelli;
  • Al Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi;
  • Al Ministro della Cultura, Dario Franceschini.

FIRMA LA PETIZIONE A QUESTO LINK>>www.change.org/dacci-un-taglio

#dacciuntaglio

Allarme per l’inquinamento da mascherine e guanti di gomma

Troppe le persone che li gettano in strada (perdipiù integre,senza tagliare i lacci) senza curarsi delle conseguenze per l’ambiente, gli animali domestici, la fauna selvatica. Tonnellate di materiale inquinante non biodegradabile, ovunque, che si trasforma in trappole mortali per molte specie animali.

falco pellegrino con le zampe intrappolate da mascherina

Immagini drammatiche giungono dal mondo: animali rimasti intrappolati e soffocati dagli elastici dei dispositivi di protezione (DPI), rapaci con le zampe legate, mascherine e guanti ovunque, anche in mare…

#dacciuntaglio

Un rapporto dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) stimava che durante la sola fase 2 (2020), in Italia,

“il consumo giornaliero di mascherine si attestava su 35/40 milioni di pezzi ed una conseguente produzione di rifiuti quotidiana fino a 720 tonnellate. Sino alla fine del 2020 è stato calcolato che sono state prodotte da 60mila a 175mila tonnellate di sole mascherine. Utilizzando il peso medio di 11 grammi (che prende in considerazione tutte le tipologiedi mascherine) e un fabbisogno intermedio di 37,5 milioni, si avrebbe una produzione giornaliera di circa 410 tonnellate. La produzione calcolata sino a fine 2020 (circa 240 giorni) si attesterebbe, pertanto, tra le 60.000 e le 175.000 tonnellate di rifiuti, con un valore sulla media di circa 100.000 tonnellate. “

Considerando anche i guanti, la produzione risultava di ben 440mila tonnellate alla fine dell’anno 2020.

#dacciuntaglio

DAL GOVERNO nessuna linea guida, nè indicazione alla popolazione per il corretto smaltimento dei DPI, che sono rifiuti speciali a tutti gli effetti, salvo una effimera e debole campagna nell’estate 2020. Nessun interesse sincero a prevenire un disastro ecologico prodotto da quantità inimmaginabili di materiali inquinanti di cui sono composte mascherine e altri dispositivi.

Nessun atto o decreto per rimarcare l’esigenza di tutelare l’ambiente e la fauna, per indirizzare i cittadini ad un comportamento responsabile con chiare indicazioni per il trattamento e lo smaltimento di questi rifiuti. Nessuna indicazione al mondo della scuola per educare le nuove generazioni a ragionevoli e sostenibili abitudini quotidiane, al fine di evitare i danni che i dispositivi, rilasciati massicciamente nell’ambiente, producono.

Green economy, zero waste, net zero, transizione ecologica, … quanti termini ormai di uso comune ci appaiono vuoti come slogan pubblicitari. Estranea al medio cittadino e soprattutto alle istituzioni, la seppur minima consapevolezza dell’importanza dei piccoli gesti quotidiani: disfarsi dei rifiuti personali senza provocare vittime, senza contribuire ad un disastro ambientale mondiale già in corso.

Appare altresì necessario ripensare ad un uso più oculato di questi dispositivi, magari riducendone il consumo (usando DPI lavabili ecc), per destinarli solo laddove siano davvero indispensabili, come in molti altri paesi europei accade.

L’abbassamento dei livelli di inquinamento e il blocco del traffico durante il lockdown, hanno permesso alla fauna selvatica di riappropriarsi dell’ambiente naturale, prefigurando un altro mondo possibile, diverso, migliore, dove la parola green non è solo un’etichetta dell’ultimo prodotto che il “mercato” vuole propinare .

immagine dal web

Vogliamo segnali concreti da questa classe politica,  affinchè risponda in maniera coerente e responsabile ANCHE per la tutela dell’ambiente e della fauna (da cui dipende direttamente la nostra salute), in questo contesto emergenziale che coinvolge davvero TUTTI, ma dei cui effetti è responsabile solo e soltanto l’uomo.

CAMPAGNA E PETIZIONE PROMOSSE DA AVC – ASSOCIAZIONE VITTIME DELLA CACCIA – 2021

TAGLIA I LACCI DELLE MASCHERINE E GETTALE, CON I GUANTI, NEI RIFIUTI. ESSERE CONSAPEVOLI E’ INTERESSE DI TUTTI

FIRMA LA PETIZIONE A QUESTO LINK>>www.change.org/dacci-un-taglio

#dacciuntaglio

 

 

Lascia un commento